Home

mercoledì 27 ottobre 2010

Brazadela o Ciambella romagnola



















Questo mese sono produttiva, ogni giorno ne sperimento una! E sapete perchè? Perchè in giro ci sono un sacco di contest carini, e voglio provare a partecipare quasi a tutti! In più, girovagando per la rete, ho finalmente trovato la ricetta che cercavo fin da bambina, quella della ciambella - o meglio brazadèla -che da me si trova in tutti i forni, ma che a casa non riuscivo a riprodurre!

Quando ero bambina me la faceva sempre la mia bisnonna...ma sono ormai vent'anni che è non c'è più, e davvero mi dispiaceva non aver avuto il tempo di chiederle di svelarmi questo prezioso segreto.
E' stato casuale l'incontro con questa ricetta, l'ho provata ed è stato subito Amore.
L'ho anche fatta assaggiare a mio nonno (suo figlio) per assicurarmi che il mio ricordo non fosse "inquinato" dall'entusiasmo e che la ricetta fosse davvero quella tanto bramata.
-E' uguale!- ha esclamato divorandosene una bella fetta.
E oltre ad essere buona cosi, a colazione, in semplicità, o intinta in un bicchiere di vino rosso come viene servita nelle nostre osterie, è proprio quel che ci vuole per fare il mio dolce preferito...
Qual è? Ve lo svelerò domani, datemi il tempo di farlo...

Vi riporto la ricetta presa da Elenuccia, a cui sarò per sempre grata... è perfetta, io però ne ho fatto doppia dose ;-)

con questa ricetta partecipo a:








Ingredienti :

225g farina 00
25g fecola
1/2 bustina di lievito
75g burro
1 uovo
50g latte
80g zucchero
scorza di limone
pizzico di sale

Fare la fontana con la farina, tagliare a fiocchetti il burro ed strofinare con la punta delle dita fino ad ottenere uno sfarinato granuloso. Aggiungere lo zucchero, il lievito e rimescolare il tutto con una forchetta. Poi aggiungere la scorza di limone, l'uovo e il latte e impastare velocemente.
L'impasto risulterà un po' più morbido di quello della pasta frolla, però non è troppo appiccicoso e si riesce a lavorare con le mani. Ho lasciato in frigo un'oretta coperto dalla pellicola, poi ho diviso in due piccoli panetti (solo se fate 500 g di impasto), cosparso di un po' di zucchero semolato e poi di zucchero in granella.
Cuocere in forno a 170 per circa 40-45 minuti, finchè non diventa color calamello chiaro. Si abbasserà e allargherà un po', ma soprattutto compariranno delle crepe sulla superfice.



24 commenti:

  1. Che dolce la bimba!Sembra la ciambella che piace tanto a mia madre!Proverò a farla!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Ma che bella, a vederla sembra un pane dolce...grazie!!!

    RispondiElimina
  3. ..buonaaa! Ne mangiavo sempre una bella fettona a merenda quando andavo da nonna!! ^^
    Dolci ricordi! Grazie :)
    Beso

    Babi!

    RispondiElimina
  4. @marifra79: provala, anche se non sarà quella non ti deluderà!
    @araba: mi accompagna da quando ero bambina, è una torta un pò secca...ma è veramente buona, anzi, il giorno dopo è migliore!
    @barbara: Davvero? allora devi rifarla!
    @Mirtilla: grazie!

    RispondiElimina
  5. Sembra bella sofficiosa!
    Mmmmm già ne prenderei una fettona da pucciare nel latte caldo... gnam!

    RispondiElimina
  6. @Yaya: ciao cara, questo dolce non è sofficioso, anzi...è una torta piuttosto secca...ma provala, sono sicura che non ti deluderà...anche perchè pucciata nel latte è ottima!!!!

    RispondiElimina
  7. Bellissima e buonissima e l'ultima foto ...di una dolcezza infinita , ciao

    RispondiElimina
  8. Che bella bimba, e che bella ciambella. Mi sembra proprio ideale per la colazione, un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. ma vista e ovviamnete mangiata...

    RispondiElimina
  10. Che buona e che bella foto con riccioli d'oro, brava mimma!!!!
    un bacione

    RispondiElimina
  11. sembra davvero un pane, che bella!
    baci.

    RispondiElimina
  12. Quei riccioliiii che cariiina ^_^

    la bisnonna che bellezza...
    tuo nonno di una dolcezza incredibile
    bacioni gioia

    p.s (questo blog è di una delicatezza...)

    RispondiElimina
  13. @Stefania: grazie mille cara!
    @mariacristina: grazie tante, per la colazione è davvero super...ma anche per la merenda!
    @Fabiola: allora è un'occasione per provarla!
    @Cristina: hai visto quant'è riccia?
    @Betty: grazie, baci!
    @Gaia: i tuoi complimenti al blog mi onorano e lusingano, tu non sei mai banale...grazie davvero!

    RispondiElimina
  14. Che bella quella testolina bionda, quei capelli inanellati! Una foto tenerissima...Complimenti cara! La brazadela non la conoscevo, ma ha un'aria genuina che mi attira molto :-) Voglio provarla, magari "pucciata" in un dito di buon vino rosso (non di più sennò mi ubriaco...ahahahah)!

    RispondiElimina
  15. @Lucia cara, ti ci hai visto proprio bene...la brazadela - in dialetto ferrarese - è fantastica pucciata nel vino...e poi ogni tanto esser un pò brilli fa bene! solo un pò eh? bacioni carissima, e buonanotte!

    RispondiElimina
  16. Che buonaaaaa!...l'avevo vista anche io da Elena!...ti è venuta benissimo!!!

    Che bella con quei riccioloni!!! ^_^

    RispondiElimina
  17. Ti è venuta uno spettacolo direi...già me la immagino pucciata nel caffelatte!
    Buonissima serata

    RispondiElimina
  18. Piacciono tanto anche a me questo tipo di dolci...
    E vedo che anche in casa tua attirano l'attenzione di riccioli d'oro!!!!!!!!!!
    Lo proverò, ma aspetto la seconda preparazione, sono curiosa :)
    Un bacione carissima

    RispondiElimina
  19. Ciao, piacere di conoscerti, ho letto il tuo post nel blog Provare per gustare e mi sono detta: una romagnola? Non posso nn conoscerla! Io sono originaria di Forlì ed ora abito a Imola...tu di dve sei?
    Se ti fa piacere passa da me http://senzasaleinzucca.blogspot.com/
    E chi non ricorda questa mitica ciambella????!!!
    Ti seguirò...per quanto ce la faccio...
    Ciao, Mila

    RispondiElimina
  20. La foto della bimba con "le mani nella marmellata" è troppo carina... :))
    La ciambella ha un aspetto delizioso!! Che dono prezioso, le nonne...

    RispondiElimina
  21. Buonissima e molto invitante!!!compliments...:)

    RispondiElimina
  22. Ho provato ma in cottura si allarga per tutta la teglia.Sara' perche' non l'ho messa in frigo e l'ho cotta subito???grazie,ciao camilla

    RispondiElimina
  23. Camilla, penso proprio di sì. Io l'ho fatta sempre seguendo per filo e segno la ricetta...e se c'è scritto un'ora di riposo in frigo, tempo proprio che vada rispettato...mi dispiace molto, se riprovi fammi sapere!posso garantirti che a me è venuta buonissima!

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani