Home

giovedì 25 ottobre 2012

Pain au chocolat con burro salato Fattorie Fiandino


Premetto che da Domenica ho la febbre, soprattutto di notte, come adesso mentre sto scrivendo e un freddo allucinante non mi fa dormire insieme al male alle ossa. Santo paracetamolo si, ...ma dopo 4 giorni la debolezza e l'avvilimento iniziano a farsi sentire, anche perchè, proprio come ora, non riesco a riposare di notte.

Dopo i primi due giorni ko a letto, nei quali i miei nonni sono venuti ad aiutarmi nella gestione di due piccoli malati a loro volta, il terzo giorno...una mamma ancora a casa malata con due bimbi quasi guariti al seguito... non  ha tante alternative... di certo non può starsene tutto il giorno spaparanzata sul divano come a volte vorrebbe! 

A dire il vero, tra qualche disegno e qualche cartone animato, un pò di divano ce l'ho fatta a farlo, ma dopo un pò la televisione mi spaccava la testa già dolorante di suo e quindi...ho radunato i miei due piccoli aiutanti con me e mi sono data alla pasta sfoglia: alla fine è più semplice di quanto si creda, non si sporca poi molto, non servono ingredienti che, normalmente, uno si accorge di non avere in casa all'ultimo momento e tra una piega e l'altra si può fare un pò di divano e.....ascoltare attentamente i due piccoli in questione che mi dicono parole che mi lasciano sbigottita.

Partendo con ordine...Anais, mentre i primi giorni dormivo in preda alla febbre nel mio letto, non si staccava da me e stava sveglia a guardarmi. Quando, ogni tanto aprivo l'occhio a pesce lesso, me la trovavo accanto sorridente che mi diceva:
"Come vorrei fosse sempre così mamma...non ti preoccupare ci sto io qui con te...voglio stare per sempre piccola per starti sempre attaccata..."

Beh, amore mio, mi rendo conto che non trascorriamo tanto tempo assieme, e che quello che trascorriamo spesso non è funzionale a farci le coccolette, come tu vorresti...certo, non ho intenzione di essere sempre malata, ma forse di capire meglio il senso di queste tue parole quello sì!

Anche Gioele non ha voluto essere meno affettuoso, e si è prodigato a dirmi che
mi "vuole un bene grande come una trebbia!"
Grande per un il suo piccolo punto di vista, neh? e anche originale, se vogliamo...

Inoltre Anais mi ha portato un foglio con su scritto il suo nome in stampatello, io certo non le ho insegnato a farlo...all'asilo neanche, anche perchè è più il tempo che sta a casa rispetto a quello in cui va..si, insomma, io sono rimasta sbigottita chiedendole chi glielo aveva insegnato e credendo di avere le allucinazioni da febbre e mi sono sentita rispondere:

Ho imparato da sola, mamma, guardando com'è scritto....

Eh, no, non è un fenomeno, ma un'attenta osservatrice questo sì...se sbaglio strada in macchina e lei a dirmi dove dovevo andare, non ne sbaglia una, e mi rimprovera per cose che magari ho detto di fare o di dire mesi e mesi fa...quante cose mi perdo invece io, mentre loro crescono!!!!!

Tornando alla nostra sfoglia, scusate, quel che serve, dicevo, è in realtà è solo tanto tempo e pazienza, che nei giorni in cui si è presi da mille impegni lavorativi proprio non si può avere...
 Quindi, se avete una giornata libera e anche poche energie credo possiate cimentarvi senza timore in questa preparazione, che il giorno seguente vi ripagherà 
di questo sforzo più mentale che fisico...
del sapere aspettare che le meraviglie prendano forma.

Anzi, oserei dire che...nonostante abbia trascorso una notte indecente tra biberon di latte e miele, sciroppi, tachipirina, borsa dell'acqua calda e bimbi che si svegliavano e dovevo riaddormentare mentre io crollavo letteralmente dal sonno beh, la mattina dopo ero quasi felice di fare colazione, 
dimentica di tutte le difficoltà e pronta ad affrontare un nuovo giorno.

Oggi però sono molto più stanca, e spero davvero che la febbre esca presto dal mio corpo perchè mi vorrei gustare, tra l'altro, il cielo azzurro e il sole tiepido che vedo dalle mie finestre tutto il giorno.
E' davvero incredibile come basti poco a metterci ko...e quanto importante sia sentirsi bene tutti i giorni...perchè poi non tutto è importante come il nostro benessere, e spesso ce ne dimentichiamo!
Vabbhè, torniamo alla ricetta...una ricetta della felicità oserei dire...

unico accorgimento che mi sento di sottoporvi: utilizzate burro  di qualità e sarete ancora più felici!
Io, per esagerare, ho utilizzato il burro salato Fattorie Fiandino, una delizia...

Se iniziate la mattina presto...alla sera potrete avere i vostri pan au chocolat caldi...
se invece li volete preparare a colazione, come me, inziate nel pomeriggio.



Ingredienti per 9 pezzi

130 gr di farina 0
130 gr di farina 00
50 gr di zucchero semolato
3-4 gr di lievito di birra secco
mezzo cucchiaino di sale
100 gr di acqua tiepida
40 gr di latte
120 gr di burro salato Le Fattorie Fiandino

gocce di cioccolato per il ripieno 


Procedimento

Nell'impastatrice ho unito le due farine, lo zucchero, il lievito sciolto nell'acqua tiepida una noce di burro, poi il latte in ultimo il sale. Ho messo l'impasto ottenuto in frigorifero avvolto dalla pellicola
Dovrà restare in frigo per un'ora.

Prendiamo ora il burro, lo mettiamo sopra un foglio di carta da forno, richiudiamo il foglio e con il mattarello lo stendiamo fino ad ottenere un rettangolo sottile. Mettiamo il tutto in frigorifero per un'ora.

Trascorsa l'ora, prendiamo il nostro impasto, lo stendiamo in un rettangolo anch'esso e 
sopra posizioniamo il burro.
Chiudiamo il nsotro impasto ripiegando prima il lato di destra portandolo al centro del panetto, e poi quello di sinistra.
Rimettiamolo in firgorifero per un'altra ora e ripetiamo quest'operazione, dopo aver risteso la sfoglia e piegato nel senso contrario.

Quest'operazione dev'essere fatta per 3 volte, lasciando riposare la pasta in frigo ad ogni intervallo per un'ora, questo per permettere la sfogliatura.
Mi dispiace non avere le foto, ma come potete capire è molto semplice, l'operazione in sè richiede 5 minuti, quel che è importante è rispettare i tempi di riposo.

Giunta all'ultima piega, ho lasciato riposare la pasta in frigo per 5 ore poi l'ho ristesa sottile e ho tagliato la pasta ottenendo 9 rettangoli.
Sopra ad ognuno di essi ho posizionato tante gocce di cioccolato e poi ho chiuso i panetti semplicemente arrotolandoli dal lato partendo dal lato corto.

Ho rimesso i miei pains au chocolat in frigo e lì li ho lasciati fino a tarda notte.

A dire il vero mi sono svegliata alle 3 per fare un biberon di latte e quindi li ho tolti dal frigo e messi in forno spento a lievitare...alle 8 di mattina li ho trovati belli gonfi e pronti da cuocere!

La cottura è di circa 20 minuti con il forno sui 160°, poichè altrimenti tendono a cuocere troppo sopra e meno dentro, ma è bene regolarsi con il proprio forno, naturalmente.

L'ultima lievitazione può essere anche meno lunga, ovviamente, e può avvenire anche il mattino successivo, se non vi svegliate di notte ;)
Basteranno le classiche 2 ore.

In alternativa, se partite con i lavori al mattino, la sera avrete già i vostri pain au chocolat.


Spero di essere stata chiara,
 purtroppo con pupi al seguito non ho avuto nè modo nè la forza di fotografare i vari passaggi ma, credetemi, non è niente di impossibile...serve solo una giornata un pò noiosa da riempire insieme di farina e burro!

con questa ricetta partecipo al contest Fattorie Fiandino 2012

37 commenti:

  1. Mamma mia che meraviglia, Aria...

    RispondiElimina
  2. Sottoscrivo in pieno le parole di Stefania! :))
    Dovrò cimentarmi anch'io.. la pasta sfoglia mi e' sempre sembrata inavvicinabile, ma ora quasi quasi comincio a crederci!
    Ciao Aria, ciao Araba! ;)

    RispondiElimina
  3. Tesoro con una delizia del genere come non sentirsi subito meglio...io mi chiedo devo trovi la forza e l` energia...soo anni che voglio provare e resto sempre frenata davanti alla sfoglia!!! Sono diviniiiiii!! Bacioni a voi tutti e vedrai a breve vi sentirete tutti meglio!!!
    Imma

    RispondiElimina
  4. devi rinforzare le difese immunitarie tesoro...dell'Immunage ti farebbe bene...
    Queste brioches favolose però sono terapeutiche! Anche perchè fatte con amore!!!

    RispondiElimina
  5. noooo ma sono bellissimi!!!!! *__* riposati un pochino xò ;)

    RispondiElimina
  6. Tesoro.. che dolci i tuoi bimbi..! Anais è veramente un piccolo angioletto e che forza il tuo ometto: 'un bene grande come una trebbia!' :D Spero davvero che tu ti riprenda presto.. ma con tutto quell'amore sono certa avverrà a breve! Cerca di riposare appena puoi e bevi tante tisane calde, magari di biancospino (aiuta, quando hai la febbre)! Se le accompagni con una di queste bontà, poi.. come non guarire? Sei meravigliosa.. una mamma fantastica. Prenditi le carezze dei tuoi piccoli e godetevi insieme queste delizie. :) Complimenti, cara.. belle da vedere e da gustare!! :)

    RispondiElimina
  7. Mi spiace che non stai bene, spero che presto tutto passi.
    Però a qualcosa è servito, no? Hai potuto cimentarti nella realizzazione della sfoglia, sei riuscita a stare accanto ai tuoi piccoli e hai reso felici loro che ti hanno accudita con amore!
    La piccola è davvero un portento! Con lei sei al sicuro!
    E complimenti davvero per le delizie che hai creato! Sono bellissime e adesso vorrei farle anche io!!!
    Un abbraccio e buona guarigione cara!

    RispondiElimina
  8. Merhabalar, ellerinize, emeğinize sağlık. Çok güzel ve leziz görünüyor.

    Saygılarımla.

    RispondiElimina
  9. Che stra-voglia!!!! Anche te fai parte delle super mamme che riescono a fare di tutto e di più???
    Braci&Abbracci

    RispondiElimina
  10. Che amore i tuoi bimbi tesoro. Sono di una tenerezza infinita. Io mi sarei sciolta alle loro dolcissime parole, troppo troppo belli :) E quanto li avrai fatti felici con una colazione golosa così? Con quel burro salato questi fagottini cioccolatosi sono da sogno. E sto sognando a occhi aperti che uno si materializzi qui ora davanti a me :) Un bacione e guarisci presto eh ^_^

    RispondiElimina
  11. Cara, intanto spero che la febbre ti passi al più presto. Che dirti questo dolce è troppo meraviglioso..

    RispondiElimina
  12. Gnam, Gnam! Li avrei voluti questa mattina a colazione! Carina anche la presentazione,anche io ho aperto un blog di cucina da pochi giorni e mi farebbe immenso piacere se mi venissi a trovare! Buona giornata Angela

    RispondiElimina
  13. ..Splendidi! Anch'io vorrei saper farli così bene, di solito i miei sembrano più delle piadine che altro:(

    RispondiElimina
  14. Ciao bellissima tu ci vuoi far svenire ,bravissima un bacione ISA

    RispondiElimina
  15. aria non ho parole sono uno spettacolo di precisione la febbre ti ha fatto bene come per i bimbi dicono che li fa allungare ^.^ ahahahha
    un bacione ad anais che è una bimba bella sveglia e a giole che è il cucciolotto piccolo piccolo :))))

    RispondiElimina
  16. Io ho la bimba con febbre e dolore alle ossa!!! Quando sta in casa la tengo anch'io occupata ad impastare con me. Lei si diverte e la giornata vola.
    GOlosi questi saccottini.
    Buona guarigione!!

    RispondiElimina
  17. il burro salato è una delle mie passioni...mai avrei pensato di abbinarlo al cioccolato!
    che novità!
    baci cara

    RispondiElimina
  18. Ciao Aria, che nome meraviglioso......arrivo qui dal blog di quell'angelo di Ely e, beh, come non rimanere incantata davanti all'immagine dei tuoi piccoli che si affaccendano intorno a te, povera malaticcia, e anche un po' davanti a questi Pain Au Chocolate.....mi sa che comincioa seguirti sai? E intanto ti auguro una buona guarigione! :)

    RispondiElimina
  19. sembrano quelli delle boulangerie francesi. brava!!

    RispondiElimina
  20. Cara...mi spiace leggere che stai ancora male, ti ha presa proprio in pieno questo cambio di stagione e diciamo che il nostro clima certo non aiuta! Ma pensa a quanto amore hai assorbito in questi giorni...quella è la migliore medicina. Un bacione

    RispondiElimina
  21. Ancora malata??? mannaggia!!! mi dispiace! grande la tua piccola Anais, farà moooolta strada nella vita. senti ma invitarmi a colazione????
    un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  22. Mi dispiace tu sia malata e ti faccio gli auguri per una pronta guarigione; però, penso debba essere fantastico essere coccolata dai proprio gioielli... ;o) Questa tua ricetta è stupenda, anche se io non mi sono mai cimentata con la sfoglia e ho un pò di reverenziale timore...
    Guarisci presto, Lory! :o)

    RispondiElimina
  23. spero tu possa riprenderti in fretta. Con questi fagottini al cioccolato sarà più semplice. Riprenditi in fretta...

    RispondiElimina
  24. in bocca al lupo, riprenditi in fretta, carissima... questi fagottini sono un vero toccasana, per l'umore soprattutto (che meraviglia riuscire a fare bene le "pieghe".. io impastroccio tutto!)

    RispondiElimina
  25. Adoro il Pain au chocolat..a Parigi lo mangiavo sempre! Che delizia...
    Ho sempre voluto provare a farlo...quale occasione migliore per testare questa ricetta!!!
    j.

    RispondiElimina
  26. Tesoro mio hai preparato qualcosa di semplicemente perfetto.
    Sembrano così leggeri che io ne mangerei dieci!
    Stai certa che al più presto provo la tua ricetta.
    Un bacione e stai bene.

    RispondiElimina
  27. Che teneri i tuoi bambini e che mamma speciale hanno, con tutta la febbre riesci a preparare anche la sfoglia!!
    Sono ammirata :)

    Guarisci presto

    un abbraccio

    loredana

    RispondiElimina
  28. Una bontà divina!! Complimenti cara..

    Kiss

    RispondiElimina
  29. Oh non parlare guarda io ho male dappertutto e un mal di testa da raffreddore... Vorrei solo stare a letto ma ovviamente non posso... Tu hai avuto la forza di preparare la sfoglia sei ammirevole... Io non riesco manco a sparecchiare :-)

    RispondiElimina
  30. Ciao! purtroppo il tempo pazzerello stà facendo ammalare non pochi! ti auguriamo una veloce guarigione allora!
    complimenti per questi dolcetti: un impasto sfogliato che abbiamo tentato più volte, ma senza troppo successo, il tuo invece è perfetto!
    un bacione

    RispondiElimina
  31. Il tuo pain au chocolat strepitoso.. soprattutto per averlo fatto con la febbrona.
    Cara Aria.. hai ragione a ricordarti e ricordare a tutti che stare in salute è non importante ma fondamentale per vivere bene.
    Ogni tanto qualcuno dei miei problemini di salute torna a ricordarmelo, la nostra testa tende a farci dimenticare il dolore quando è passato...giustamente, ma noi dovremmo essere bravi a non scordarlo del tutto, in particolar modo quando ci preoccupiamo o arrabbiamo per cose che poi sono di poco conto!

    RispondiElimina
  32. Che meraviglia!!!! Mi è venuta una voglia matta di farli anche a me!!!! Complimenti cara! Bacio e buon week end!

    RispondiElimina
  33. Sono il mio sogno proibito, ma il procedimento mi spaventa! Buona guarigione!

    RispondiElimina
  34. Mmm... Che bontá! Spero ti sia passata la febbre!

    RispondiElimina
  35. Complimenti! Premio meritatissimo. Ho letto ora il tuo nome tra le vincitrici del contest delle Fattorie Fiandino.

    RispondiElimina
  36. Complimenti per la vittoria!! Supermeritata! :)
    E visto che vieni nelle mie zone spero di avere l'occasione di conoscerti!

    RispondiElimina
  37. ma bravaaaaa!vittoria meritatissima davvero!

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani