Home

giovedì 22 novembre 2012

Arancine alla parmigiana e al burro


Le arancine sono di una bontà indescrivibile. 
Mangiate in Sicilia, come è successo a me quest'estate, non si può non innamorarsene.
Per la sfida dell'MT Challenge di Novembre, Puppacena ce le ha proposte dandoci indicazioni precise e dettagliate per riprodurle a casa: le mie non sono bellissime, ma sono davvero superbuone.

Mentre le friggevo e le scolavo i miei bimbi se le litigavano e Anais continuava a dirmi che 
"sono una mamma meravigliosa che fa delle cose buoniiiiiisssssime".
Detto questo, io mi sento già di aver "vinto".

Le arancine le avevo fatte anche l'anno scorso, alla zucca e provola, eccezionali.
(E vai di zucca.....se siete curiosi e volete provarle......;-)

Mi era invece sempre balenata nella mente l'idea di farle alla parmigiana,
e quindi questa volta ho colto l'occasione.
Inoltre, le ho volute provare anche al burro, quelle originali.
Vi lascio la ricetta di Puppacena e tutti i suoi preziosi consigli!

Le mie non sono belle come le sue, e sono stata lì lì per non partecipare...
ma siccome sono buone buone, eccomi qui....
voglio esserci anche io!
Per il riso
1 kg di riso originario
2,5 l circa di brodo vegetale
una bustina di zafferano
50 g di burro
50 g di parmigiano grattugiato
una cipolla medio-piccola
olio evo q.b.
sale q.b.

Per il ripieno "al burro" con prosciutto cotto, scamorza bianca e besciamella (per circa 9 arancine)
80 g di prosciutto cotto in una fetta sola e di buona qualità (io di coscia e senza conservanti)
120 g di scamorza bianca 

150 ml di latte + 15 g di farina + 10 g di burro + sale q.b. per la besciamella
prezzemolo q.b. (opzionale, qui non c'è)
Per il ripieno alla parmigiana
1 melanzanza lunga
1 vasetto di dadolata di pomodoro fresco Mutti 
2 mozzarelle
olio extravergine d'oliva

 Per la lega (ne resterà molta, ma occorre poter immergere bene l'arancina)
800-900 ml d'acqua
la metà di farina
una manciata di sale

Per la panatura (ne resterà molto anche qui)
700-800 g di pangrattato

Per la frittura  
( abbondante olio , per me d'oliva, per poter friggere in olio profondo)
 Il riso va preparato con qualche ora d'anticipo, perché al momento della preparazione delle arancine dev'essere ben freddo.
Preparare il brodo vegetale con gli aromi. 
Una volta pronto, rsciogliere lo zafferano nel brodo. Regolare di sale.
In un tegame capiente, dare un giro abbondante di olio evo e fare appassire la cipolla tagliata finemente. Versare il riso e fare tostare un pochino. Versare nel tegame buona parte del brodo, non tutto in modo da poterne aggiungere all'occorrenza regolandosi in funzione del tipo di riso e della sua cottura.
Fermare la cottura quando il riso sarà al dente e si presenterà piuttosto compatto (ovvero non dev'essere cremoso come un tipico buon risotto!). Immergere il tegame nel lavello riempito d'acqua fredda (evitando che l'acqua entri all'interno) e mantecare con il burro e il parmigiano grattugiato. Se serve, per abbattere la temperatura ed evitare che il riso continui a cuocere, rinnovare l'acqua fredda dentro il lavello.
Una volta tiepido, versare il riso dentro una teglia e lasciare da parte affinché raffreddi e conservare in frigo per alcune ore.

Per il condimento "al burro", preparare una besciamella vellutata e non troppo densa (e con il giusto grado di sale, anche questo servirà a dare sapore al ripieno) e lasciare raffreddare.
Una volta fredda, aggiungere il prosciutto e la scamorza tagliati a tocchetti piccoli e amalgamare.
Per il condimento alla parmgiana tagliare la melanzana a tocchetti, cuocerla in padella con olio evo, aggiungendo la dadolata di pomodoro fresco, il sale, e portando a cottura. 
Una volta che il condimento sarà pronto e intiepidito unire le mozzarelle a cubetti.

Cominciare dalla preparazione della "lega". 
Versare l'acqua in una scodella profonda, aggiungere la farina, una bella manciata di sale e amalgamare bene con una frusta. Tenere da parte e passare alla creazione delle arancine.
Prima di tutto disporre a portata di mano tutti gli ingredienti necessari e attrezzarsi di vassoi, teglie, scodelle….

Tenendo la palla di riso con una mano, con il pollice dell'altra mano create un buco in alto e al centro e cominciate ad allargarlo spingendo sia verso il basso che sui lati. Posate nuovamente la palla di riso sul vassoio e passate alle altre, fino a completarle tutte.
Con la punta delle dita prendere un pò di condimento e inserirlo all'interno del buco precedentemente creato.
Poi chiudere l'arancina: un po' spingendo "la conza" - il condimento - verso il basso, e un po' cercando di portare in avanti il riso per chiudere l'arancina. Girare l'arancina tra le mani per darle la forma e per rendere la superficie liscia e compatta, senza buchi o piccole fessure. Posare l'arancina con il ripieno sul vassoio e passare ad un'altra, fino a completarle tutte.
passarle poi nella lega e infine nella panatura.


Friggerle in un recipiente alto e stretto, in modo che siano bene immerse.
Servire caldissime!

Con questa ricetta partecipo alla sfida di Mt Challenge Novembre 2012

la ricetta di Novembre 2012






32 commenti:

  1. Buonissime! Brava, ricetta da provare! ciao silvana.

    RispondiElimina
  2. mia cara, concordo pienamente con i tuoi piccoletti!!! Queste arancine parmigiane sono bellissime e non solo buone : avrei voluto vederle con che velocità le hanno fatte sparire ;-)
    Perfetta anche la tua contaminazione regionale. Un abbraccio

    RispondiElimina
  3. mmmh! che delicatezza! anche il pirottino! *__*

    RispondiElimina
  4. Sono S T R E P I T O S E !!!!!!

    RispondiElimina
  5. Deliziosi, complimenti!
    In bocca al lupo per il contest!
    Baci e buona giornata!

    RispondiElimina
  6. Buongiorno Aria, che carini i tuoi bimbi :)
    Sono d'accordo con loro...e poi, questi arancini sembrano di una bontà divinaaaaaa!!
    Buona giornata !
    noemi

    RispondiElimina
  7. sembrano dei bon bon...mamma mia il sapore riusciamo solo ad immaginarlo!!! che ascquolina e sono solo le 10.40!!!!

    RispondiElimina
  8. Hai dei figli che sono dei veri tesori.. che angioletti.. E hanno proprio ragione, amica! :) Ti sono venuti una bontà, belli da vedere e soprattutto deliziosi da mangiare! Bravissima e un bacio grande grande!

    RispondiElimina
  9. come si fa a non amarli???? sono una delizia!!! Anche se devo dire che io li ho sempre chiamati Arancini, al maschile. Ho scoperto che è una variazione dialettica a seconda delle zone della Sicilia.
    comunque cara Aria sono anche bellissimi!!
    un abbraccio
    Sara

    RispondiElimina
  10. sono splendide e molto ben presentate...bravissima cara..come sempre del resto!
    bacioni

    RispondiElimina
  11. Tesoro io adorooooo queste preparazioni sono davvero la mia passione e poi cosi piccoli e bonbon ancora di piu!!bacioni,Imma

    RispondiElimina
  12. Queste arancine, sono un capolavoro!!!
    Bella presentazione, brava come sempre!!
    A presto!

    RispondiElimina
  13. Impossibile non partecipare questo mese, ma te lo immagini un buffet con tutte le arancine del'MTC??

    RispondiElimina
  14. devo liberarmi dal blocco del fritto....ciao aria, come stai tesoro? ti seguo sempre su fb e mi illumino coi tuoi nani...
    baci

    RispondiElimina
  15. Ma che dici Aria!! Sono bellissime, non le ho mai fatte e devo provare davvero anche io!!!
    Brava! Roby

    RispondiElimina
  16. Ciao Aria
    che buone le arancine, quando vado a trovare mia sorella a Catania ne mangio quantità enormi!
    Le tue hanno un aspetto favoloso.
    Complimenti per il tuo blog e ovviamente mi aggiungo subito ai tuoi lettori

    RispondiElimina
  17. io alle arancine proprio non so resistere, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  18. Brava fatina!
    Perchè dici che non sono belle? Sono perfettamente dorate, che vuoi di più. Poi io sono sicula, quindi non si discute: arancini (da questa parte della sicilia si chiamano al maschile) approvati!!!
    Io adoro quelli al burro, c'è un tipo qui che li tiene "crudi" e te li frigge al momento quando li chiedi. Sai che crosticina?
    Un bacione enorme.
    PS Troppo carina la tua bimba :o)

    RispondiElimina
  19. Hai fatto bene a partecipare, ti son venuti benissimo, e il gusto sarà eccezionale, se lo dicono i bimbi mi fido! Un bacione

    RispondiElimina
  20. Che belli!! Li ho fatti anche io! Una bontà :)

    RispondiElimina
  21. non è vero che sono brutte!!!!!!!!!!!!! a me ispirano e tanto e le mangerei anche stasera.... bacio.

    RispondiElimina
  22. Perchè dice che non sono belle? Io le trovo perfette e anche ottime! Ne voglio una anch'io!!!!!!!!!!!!!!
    bacioni
    Alice

    RispondiElimina
  23. Sono intimorita dalla perfezione di queste arancine!! Mi sa che stavolta passo....Un abbraccione, a presto.

    RispondiElimina
  24. Sfiziosi in questa versione! carinissimi così piccini e rigorosamente filanti!
    baci baci

    RispondiElimina
  25. Bellissimi e sfiziosi!!
    bravissima bacioni!

    RispondiElimina
  26. brutte? scusa ma dove le vedi brutte? io qua di brutto vedo solo una cosa: che non posso mangiarleeeeeeeeeeeeee!! Un abbraccione!!!!

    RispondiElimina
  27. Sono bellissime invece e mi mettono una fame| Peccato che spariscono presto. Mio marito me le ha chieste di nuovo ma non ha capito che deve tenersi i picoli un pomeriggio se le vuole!!

    RispondiElimina
  28. aria e come ti capisco quando i figli ti dicono che sei meravigliosa ,magica e fai delle cose buonissime ...oddio ti vien volgia di gridarlo al mondo e non so spiegartelo ti senti felice nel cuore ,e davvero ,ti senti che hai già vinto :)
    buonissimi mamma meravigliosa questi arancini .
    p.s. sai quando ho postato la ricetta dei brownies poi mi sono messa a lavare i piatti e ti pensavo,pensavo che ti avrei dovuto taggare su fb ,perche' questa la possiamo mangiare senza frutta secca ^.ì telepatia sei venuta prima di me ...un bacioone

    RispondiElimina
  29. aria mi fai una cortesia a te posso chiederlo vuoi vedere se nella blogroll metti il nuovo indirizzo si modifica? risulta sempre che ho postato 2 settimane fa i biscotti a l cioccolato :( ma il nuovo sito non si vede !!!!! uffa

    RispondiElimina
  30. Da provare assolutamente! Brava :)

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani