Home

martedì 12 marzo 2013

Torta Nuvola


In questi giorni avrei bisogno di leggerezza. 
E a volte succede, succede che mi sento "leggera" . 
Mi è successo anche Sabato, per esempio, mentre me ne stavo seduta accanto al posto di guida,
 e mio marito guidava. 
Ascoltavamo Tori Amos mentre le goccioline di pioggia scivolavano sul vetro.
I bambini erano tranquilli sui sedili posteriori.

Solitamente la pioggia e il cielo grigio mi disturbano, appesantendo il mio umore, ma Sabato mi sentivo in pace con me stessa e quelle goccioline mi riportavano a giorni infantili, quando le narici avvertivano chiaramente l'odore della terra quando piove.
Quando piove ed è quasi Primavera

Ci sono odori che associo violentemente all'Infanzia, probabilmente perchè è quel periodo della vita in cui si sta fortemente a contatto con la Natura: tutto è nuovo, tutto ci emoziona...


Quando la Primavera stava per arrivare noi bambini non vedevamo l'ora di giocare un pò in giardino...e ricordo perfettamente tutti i profumi delle stagioni.

Li ricordo quando li sento davvero o quando qualcosa, inavvertitamente,
mi riporta indietro nel tempo. Una canzone, ad esempio.
Ed ecco un pugno nello stomaco.
Perchè adesso non mi è più concesso di perdere ore e ore a far nulla, 
annusando la forsizia, i giacinti, o le foglie di magnolia.
A volte mi dimentico persino di guardare il cielo mentre cammino, che brutta cosa!

Ieri, quando mi sono svegliata e la casa era ancora tutta oscurata,
 ho udito chiaramente gli uccellini gorgheggiare.
Lo faranno tutte le mattine, da un pò di tempo a questa parte, ma io me ne sono accorta solo ieri.

Eppure...eppure dentro di me mi sento ancora una bambina. E mi fa un effetto tanto strano camminare
 per il mio paese e vedere tanti genitori come me che passeggiano con i loro bambini!

Quei genitori erano i miei compagni di classe e io li vedo come allora: qualcuno più grasso, qualcuno più magro, qualche uomo con i capelli già bianchi, qualche donna sempre più uguale a sua madre ma...
l'espressione, l'espressione del viso...quella è la stessa di quando ci era concesso stupirci ad ogni istante, essere leggeri.


In realtà, il tempo passa...30 anni non sono una manciata di giorni...ed anche se di Primavere ne ho viste già 33 ogni volta è sempre lo stesso miracolo.

E siccome il tempo inesorabilmente passa lasciandomi qualche ruga (si, qualche ruga vicino all'occhio...ma quando sarà arrivata che non me ne sono mica accorta???)  per il mio compleanno, ormai più di un mese fa, mi sono preparata una Torta che una mia ospite ha definito "Nuvola"

Concordo, il mio pan di spagna è una nuvola.

Ricoperto di panna montata è una nuvola bianca.

Farcito con crema e cioccolato è una Nuvola pazzerella.

Provatela, e annusate l'aria oggi.

Lo farò anch'io

Ascolterò gli uccellini cantare, respirerò  l'odore della terra dopo che è piovuto.
Sentirò la Primavera nell'aria.

Guarderò il cielo

Seguiremo assieme le nuvole muoversi avvicinarsi allontanarsi e poi ricongiungersi, facendo strani disegni che solo noi sappiamo leggere....

Questa leggerezza fa proprio bene al cuore ;)

Ingredienti

un pan di spagna come questo

una dose di 250 gr  di crema pasticciera 
 alla quale aggiungere 150 gr di panna montata

250 gr di panna montata per decorare

Crema al cioccolato

In una ciotola mescolate un uovo con 2 cucchiai di farina, 4 cucchiai di cacao amaro e 50 gr di zucchero.
Diluite piano con 250 gr di latte e mettete sul fuoco ad addensare.
Quando sarà raffreddata unire 150 gr di panna montata
Procedimento
Tagliare il pan di spagna in 3 dischi.
Bagnateli con uno sciroppo di acqua e estratto di vaniglia
Farcire il pan di spagna mettendo le creme nelle sac a poche e
distribuendole creando dei cerchi concentrici di colore alternato.
Mi sono ispirata (perchè non posso certo raggiungere i suoi risultati, alla torta di Francesca,
che ho premiato per il mio contest)
Decorare con la panna montata (io ho aggiunto alla panna mentre montava pochissimo zucchero a velo) usando la bocchetta a stella per creare le rose.
Adoro questo effetto, anzi, ne sono quasi innamorata, non si era capito????





23 commenti:

  1. Tesoro i tuoi post catturano sempre tutta la mia attenzione e leggerti mi piace da amtti perchè riesci a trasferire con le tue parole immagini vivide e pieni di amore...ma quando abbiamo smesso gi girare in bicicletta per ore,oppure guardare la scia di un aereo, oppure andare alla ricerca di buffi insetti ma anche respirare a pieni polmini il profumo del mare che innonda la mia città???E' solo la vita frenetica che ci regala attimi di serenità da condividere con lei e la tua torta nuvola è davvero un dolcisismo sgono goloso!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto commuovere con questo post tesoro. Avrei tanto bisogno di leggerezza anch'io in questi giorni. Vorrei poter volare con la fantasia su una nuvola e sentirmi la mente libera da tutti i pensieri, invece, non so perchè, mi sento tanto pesante, con un macigno dentro!
    La tua torta è bellissima con quelle delicate roselline. Un bacione, buona settimana

    RispondiElimina
  3. Ho letto che tua nonna è caduta e si è rottta il femore, un mega in bocca al lupo, fammi sapere come va la ripresa post operatoria ma stai tranquillissima. A mia suocera è successo 6 mesi fa calcola che già due giorni dopo l'operazione hanno iniziato la fisioterapia e nel giro di due mesi ricamminava è ritornata completamente autonoma. Mi dispiace tantissimo tesoro che tu debba avere anche questo pensiero <3
    un mega abbraccio tvb
    Alice

    PS una torta favolosa elegante e sofficissima, concordo con l'ospite una vera nuvola!

    RispondiElimina
  4. Tutti abbiamo bisogno di leggerezza, e di una nuvola per volare via almeno con la fantasia.
    Un bacione!

    RispondiElimina
  5. Coccinella mia.. i tuoi pensieri li conosco bene e sono quelli che ogni tanto mi scuotono dentro, come un piccolo terremoto, riempiendomi di dolcezza ma di irrimediabile nostalgia. Perchè dentro io sono sempre una bimba.. sono sempre la stessa di anni fa.. e non so vivere lontana da quelle atmosfere che il tempo ha cambiato. Grazie per queste belle parole, amica.. manco da due giorni al pc ma la prima cosa che ho fatto ieri è stato correre da te. Sei unica. E questa torta non è solo una nuvole.. è un sogno. TVB!

    RispondiElimina
  6. bhe' io che questa torta l'ho proprio assaggiata posso dire che era di una rafinatezza assoluta ....delicata come te...un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il nome gliel'hai dato tu, ricordi???? grazie, bacioni!

      Elimina
    2. si cara ricordo ...che buonaaaa tra questa e quella di gioele mmmmm

      Elimina
  7. Ciao tesorina :) Pensa che un mio vecchissimo nickname era, appunto, Nuvola (e uno ancora più vecchio era Aria!!!) :D Amo la leggerezza delle nuvole, quella delle farfalle, quella della panna, delle meringhe, dello zucchero a velo... Si ha così bisogno di leggerezza o forse si ha solo bisogno di liberare quella che abbiamo dentro... io mi sento sempre una bimba... e spero di conservare gli occhi pieni di stupore dei bambini, ogni volta che vedo un dono della Natura o vengo piacevolmente sorpresa dalla vita... Sei speciale, Aria, tanto speciale... come questa meravigliosa torta, bella e golosa! <3 Complimenti e un abbraccio forte forte, buon inizio settimana! :**

    RispondiElimina
  8. Hai ragione: siamo troppo impegnati per fermarci e assaporare il blu del cielo....il canto degli uccelli che sento in questi giorni, è come la riscoperta della natura, una rinascita per la vita
    La tua torta è una vera delizia!
    Buona Primavera

    RispondiElimina
  9. Un sogno, bellissima!!!!....quasi quanto te!;-)
    Baci!

    RispondiElimina
  10. Aria, lo so che mi ripeto, ma i tuoi post sono sempre... così pieni di vita, di gioia, di sentimenti positivi! E' bellissimo e rasserenante leggerli. E la torta è ugualmente una meraviglia, per gli occhi e per l'umore, pensando a quanto deve essere buona!! Ti auguro una settimana... leggera!!

    RispondiElimina
  11. Che bello questo post, sa di primavera, di aria nuova, di uccellini che tornano a cantare.
    Ecco, credo che andrò a dipingere degli uccellini canterini, me ne hai fatto venire la voglia!
    La torta invece la preparerei per mio marito che adora le torte pannose con la crema :)))))))
    Un bacione! :)))))

    RispondiElimina
  12. Quando ci si ritrova in questo stato di grazia non bisogna fare nulla, solo goderselo, sapendo che poi passerà, che arriverà il giorno in cui sentiremo un peso sul cuore, nuvole nere nella testa.
    Pioggia o non pioggia quando capitano certi momenti bisogna approfittarne, anche per creare nuvole di dolcezza come questa torta!

    Un abbraccio ^_^

    RispondiElimina
  13. adoro Tori Amos, non tutto tutto ma ci sono alcune canzoni davvero belle!! Certo che leggendoti sembra quasi tu sia tra il malinconico e la spensieratezza.... un mix strano ma mi arriva questo :) bellissima torta!

    RispondiElimina
  14. bellissima torta,complimenti :D
    passa da me cara,nuovo post
    http://idolcibijoux92.blogspot.it/

    RispondiElimina
  15. Preciosa y muy apetecible. Feliz semana.

    RispondiElimina
  16. Che bello questo post Aria...e la torta meravigliosa. A che voglia di legerezza.... voglia di legerezza di spirito, di saper prendersi in giro, di saper sdrammatizzare di riderci su! Sei bravissima anche con le parole!

    RispondiElimina
  17. mette proprio una sensazione di leggerezza..

    Not Only Sugar

    RispondiElimina
  18. E'vero, con la frenesia delle giornate siha poco tempo per prestare attenzione a quelle piccole cose di cui prima ci riempivamo gli occhi. Forse il nostro quotidiano, sopratutto i bambini, ci riempino ogni attimo del giorno, dandoci quello che in questo momento cerchiamo.
    Nelle torte la crema al cioccolato è quella che preferisco.
    Baci.

    RispondiElimina
  19. cerco anche io la leggerezza dell'anima, dello spirito e questa torta che sembra una nuvola è bellissima :-) un abbraccio, Ros

    RispondiElimina
  20. E bellissimo leggere i tuoi post,trasmetti dolcezza e serenità! Questa torta é una nuvola meravigliosa.Grazie per avere provato la tecnica della farcia!
    Francesca

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani