domenica 4 maggio 2014

Gnocchi di ortiche e ricotta


Quando siamo stati in Trentino abbiamo avuto la fortuna di godere di una vacanza all'aria aperta, abbiamo visitato un'azienda agricola dove i bambini hanno visto da vicino tanti asinelli e abbiamo fatto un laboratorio con le erbe spontanee come il tarassaco, l'ortica....e abbiamo avuto questa ricetta.
Ricordo di aver assaggiato anni fa un risotto alle ortiche meraviglioso,
che sarebbe venuto anche il momento di riprodurre in casa....
se trovassi le ortiche!!!



Oggi però vi propongo dei deliziosi gnocchetti, ripensando con il sorriso al fatto che....proprio durante la vacanza Anais è venuta in contatto con le ortiche per la prima volta, poichè l'hanno punta...
E mi sono ricordata come in un flash di quando ero piccola, di quanto tempo allora trascorrevo all'aria aperta...e di quante volte le ortiche hanno irritato anche me ;)
Com'era bello poter trascorrere tanto tempo in giardino e poter prestare attenzione ai cambiamenti delle stagioni, degli animali...
osservare le lumache, le farfalle, le lucertole...
mi rendo conto che purtroppo oggi non è più possibile, e certe sensazioni, anche spiacevoli,
fanno però bene al cuore perchè ci catapultano indietro nel tempo,
un tempo lento e pieno di meraviglie.

Purtroppo le dosi della ricetta erano tutte q.b
e io ho cercato di fare a modo mio...
Inoltre, molto dipende dal tipo di ricotta usata, se morbida o piuttosto asciutta.

sono ben accetti consigli e suggerimenti se avete altre ricette,
in effetti i miei gnocchi sono venuti molto morbidi,
ma molto, molto buoni!


Ingredienti:
 farina qb (per me circ 250g)
1 uovo
ortiche lessate (per me circa 200 g)
50 g di parmigiano grattugiato
noce moscata
sale, pepe
i ricotta fresca q.b (per me 200 g)

burro
foglie di salvia

Preparazione:
In una terrina amalgamate la ricotta alle ortiche già lessate in acqua salata e tagliuzzate, unite il parmigiano, l'uovo,  la noce moscata grattugiata, il sale e il pepe.
In base al tipo di ricotta che utilizzate potrà volerci più o meno farina, fate attenzione.
E ricordate che l'ortica deve essere ben strizzata

 In una pentola fate bollire abbondante acqua salata e versategli gnocchi ottenuti con le mani, per me a forma rotonda.
Saranno pronti quando vengono a galla.
 In un tegame sciogliete il burro con foglie di salvia.


Servite nei piatti tenuti in caldo, per me queste tegliette Le Creuset
 che possono andare anche in forno.

21 commenti:

  1. non ho mai fatto gli gnocchi di ricotta e non ho nemmeno mai usato l'ortica!!! che bella ricetta!

    RispondiElimina
  2. Il risotto con le ortiche lo conosco bene e lo amo tanto ma anche questi gnocchetti mettono l'acquolina in bocca!!!!un forte abbraccio

    RispondiElimina
  3. Ottimi originali e saporiti tesoro , sono davvero un concentrato di gusto e li trovo davvero da provare!!Un bacione,Imma

    RispondiElimina
  4. Spesso il qb è il metodo più comune tramandato, che se da un lato, per chi è meno esperto è un dramma, dall'altro però consente di personalizzare la ricetta a modo proprio, creando la ricetta perfetta per la propria famiglia :) Non ho mai avuto la possibilità di trascorrere l'infanzia all'aria aperta, ma ricordo le gite che facevamo a fine estate, in montagna, a raccogliere castagne. Adoravo farlo e adoravo ascoltare un amico di mio papà che ci raccontava tutto su qeui frutti :) Oggi vorrei tanto che in futuro i miei figli possano godere di quello che è il susseguirsi delle stagioni, il cambiamento dei colori che ci offrono i prati.
    I tuoi gnocchi alle ortiche voglio provare a farli. Ho appena scoperto un rivenditore (che io a raccoglierle non sono capace) e ne sono quasi diventata dipendente :)

    RispondiElimina
  5. CHE BUONI, MAI FATTI CON LE ORTICHE, DEVONO ESSERE PROPRIO OTTIMI!!! TI RICORDO CHE DEVI METTERE IL BANNER DEL MIO CONTEST IN HOME PAGE. GRAZIE SABRY

    RispondiElimina
  6. Ciao tesoro:* io preparo con questa stessa metodica gli gnocchi di ricotta e spinaci.. il composto è molto morbido, confermo, tanto che io realizzo gli gnocchi con due cucchiaini, uso poca farina nell'impasto e li ripasso leggermente nella farina per far formare un pochino di crosta. Non ho mai utilizzato l'ortica ci credi? voglio darmi da fare perchè sono curiosissima di sentirne il gusto... dall'aspetto direi fantastici:* Immagino i piccoli quando hanno visto gli asinelli! gin una volta ci è andata a cavallo mamma mia che ricordi.. ti mando un abbraccio grandissimo e buna domenica tesoro:**

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia!!!! E che ricordi!!!! Adoro queste cosucce ;)

    RispondiElimina
  8. Le ortiche in cucina mi incuriosiscono tanto.. credo che dovrò provarli anche io questi gnocchetti prima o poi!
    Un bacio cara Aria:*

    RispondiElimina
  9. Ciao! tante volte letti sui blog, ma mai provati questi gnocchi di ortiche!! sembrano proprio una ottima preparazione e molto molto primaverile!
    bravissima.
    un bacione

    RispondiElimina
  10. Ho un ricordo anche io, legato alla pasta con le ortiche e...... alle ortiche, ahahahahahah. Ma mai mi sono cimentata nella preparazione di un piatto. Questi gnocchi sanno davvero di delicato e genuino. Non importa che siamo morbidi, la ricotta di per sé non li rende tosti, saranno sicuramente irresistibili. Grazie per questa condivisione ^_^
    Un abbraccio dolcezza e buon inizio di settimana.

    RispondiElimina
  11. anche io li preparo spesso, ma con bietole o spinaci o rape.
    Da noi si chiamano "gnudi"... :-D
    Buona settimana

    RispondiElimina
  12. Buoni! Sono davvero molto invitanti. Ma sai che non ho mai utilizzato le ortiche in cucina? Ne sono rimasta traumatizzata da bambina :D

    RispondiElimina
  13. Ottimi, un piatto che adoro, questo week end ero in montagna e sono andata a raccogliere le ortiche e venerdì sera mega risotto come quando ero piccola, lussi che in città sono impensabili! comprendo bene quanto sia bello ricordare la tua infanzia, anche per me era uguale, all'aperto fra natura e animali! meraviglia!

    RispondiElimina
  14. Che buoni devono essere. NOn ho mai usato le ortiche in cucina e pensare che vivo in campagna, le vedo spesso e penso solo di starci lontano perché pungono. Da provare assolutamente.
    Spero tutto bene a Firenze. Bacioni.

    RispondiElimina
  15. Beautiful gnocchi. Blessings, Catherine xo

    RispondiElimina
  16. ma non è giusto che mi incuriosisci sempre, non ho mai usato le ortiche quindi mi fido della bontà!
    a presto.

    RispondiElimina
  17. Io in Trentino mi abbuffo sempre di canederli, non so se li hai mai provati... nell'aspetto assomigliano vagamente a queste tuoi super gnocchi verdi, ma sono fatti con il pane raffermo e di solito lo speck... Una bontà, almeno quanto i tuoi! ottima ricetta, me la segno e provo a farli!:) Buona serata Aria!

    RispondiElimina
  18. eeeeh i ricordi di quando si è piccine picciò fanno sempre tenerezza, chissà se un domani anche la tua bimba aprirà un blog di cucina e parlerà di questa puntura dell'ortica ^_^ .
    I tuoi gnocchi sono belli grandi e sebbene morbidi a me personalmente non dispiacciono mica, anzi....me ne mangerei volentieri un bel piatto, mi mancano assai!
    un abbraccio

    RispondiElimina
  19. Io finora ho mangiato solo gnocchi agli spinaci... Adesso oltre a quelli alle melanzane che ho scoperto pochi giorni fa, voglio mangiare anche quelli all'ortica!
    Grazie dello spunto e complimenti perchè i tuoi sembrano venuti molto bene. Devono essere buonissimi!
    Un abbraccio
    Giudy

    RispondiElimina
  20. Bellissimi, anche io li faccio sempre con spinaci o erbette, per la pigrizia di andare a raccogliere le ortiche, o meglio di portarmi i guanti... perchè nei campi ci vado comunque a prendermi gli asparagi e i germogli di luppolo ;)
    Il mio trucco per renderli meno fragili è di infarinarli moltissimo, proprio formare le palline e tuffarle nella farina. Un altro sistema imparato sul forum di Coquinaria è quello di seppellirli letteralmente di farina e lasciarli così per una notte, o una giornata. L'ho provato con i canederli, e sono venuti perfetti, nell'acqua di cottura nemmeno un pezzettino di niente!

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani