Home

lunedì 12 gennaio 2015

Stracchino della Duchessa e le chiavi magiche


Ormai non la frego, più...Anais sa leggere tutto ciò che vede ;)
Il metodo adottato dalle sue insegnanti mi piace moltissimo, e nonostante io abbia una mentalità spesso conservatrice e diffidente da tutto ciò che è nuovo, ho dovuto ricredermi in fretta e constatare che, a differenza delle spaginate di A, E, I, O, U e via dicendo che io mi sono sorbita con tanto di sgridate per non volerle fare...beh, quelle storielle fatte dalle lettere come protagoniste con tanti disegnini e tanti esercizi di logica sul libro....hanno dato i loro frutti in brevissimo tempo, suscitando sempre entusiasmo e divertimento in lei, ed eludendo efficacemente ogni minimo segno di sconforto...


Temevo che Anais avrebbe avuto bisogno di essere tanto seguita in questo primo anno di scuola dell'obbligo, invece ho dovuto ricredermi sentendomi anche spesso inutile: i compiti li fa da sola, io glieli correggo, certo...ma vanno quasi sempre bene...questo mi rende orgogliosa e speranzosa che possa essere sempre così autonoma e interessata anche in futuro.
Ora, piccola mia, hai davvero una chiave potentissima tra le tue mani, più magica di quella della Befana...questa sì ti potrò aprire infinite porte in cui potrai essere
Elsa, Alice, Aurora, chi e quando vorrai tu...

Cosa centra la Befana?
Ah, si, ormai è già andata, ma anche quest'anno Anais ne ha avuto davvero tanta paura.
Nonostante sia una bambina sveglissima a cui poche volte gliela si può dare a bere, la scopa che vola (così come la slitta con le renne) e la chiave magica per portare le calze ad ogni bimbo, con le sue scarpe rotte, sono per lei assolute verità, che io voglio proteggere finché potrò.

La notte del 6 Gennaio siamo stati a vedere nella piazza del nostro paesello la Befana di carta e stracci bruciata come simbolo delle feste che se ne vanno via, e finito lo spettacolo sono arrivati Befana e Befanone in bicicletta per portare la calza a tutti i bambini.
Anais, terrorizzata, ha avvicinato la mano timorosamente, poi è venuta verso me felice con la sua calza di dolciumi in mano.
- mamma, ma per Gioele?- mi ha chiesto pensando al fratellino che era a casa malato.
- Aspetta che ne dia una ad ogni bimbo poi prova chiederla con gentilezza - le ho suggerito
Non so dove abbia trovato il coraggio, ma è andata e ha pronunciato queste parole
- Befana, posso avere una calza per il mio fratellino malato? -
- Certo - ha risposto lei - e salutami Gioele!-
E' rimasta sconcertata dal fatto che la Befana conoscesse il suo nome, e se prima ci credeva...ora è un'assoluta certezza!

Mamma - ma perchè non si compra le scarpe nuove se sono rotte? -
mi ha chiesto poi, ritornando d'un tratto razionale
- Amore, lei è vecchietta, non le interessano... ma noi possiamosbirciare
 scarpe da acquistare su Spartoo dal momento che ci sono pure i saldi!-
e così...,chiuso il discorso Befana ;)

Ma ora, parliamo di Duchesse...vi propongo questo dolce fatto per le vacanze perchè trovo sia perfetto da rifare anche con avanzi di Pandoro e Panettone, se non avete savoiardi e dovete ancora smaltire dolci delle Feste.

  L’origine dello stracchino della Duchessa è incerta, a grandi linee lo
si può collocare tra le province di Parma, Modena e Mantova,
dove fu proprio una nobildonna a ideare questa raffinata ricetta.
Ho seguito la ricetta di Imma perchè non prevedeva amaretti e mandorle,
secondo me già così è eccezionale


Ingredienti
250 g di mascarpone 
30 g di gocce di cioccolato fondente
  80g di zucchero
  vaniglia
   6 tazze di caffé espresso
    Rum q.b.
    2 uova 
    20 g di cacao in polvere amaro
    400 g di savoiardi
Procedimento

Montate i tuorli con 40 gr di zucchero e la vaniglia . 
Unite il mascarpone, ottenendo una crema liscia ed omogenea. 
Montate a neve ben ferma gli albumi con il restante zucchero
 ed incorporateli delicatamente al composto . 
Dividerete il composto in due parti: aggiungete ad una metà le 
gocce di cioccolato fondente e all’altra il cacao. 
Preparate del caffè con la moka (circa 6 tazze) e formate una bagna 
sciogliendo dello zucchero (a seconda dei gusti) nel caffè caldo, 
quindi aggiungete il liquore prescelto (rum, marsala, liquore all'arancia, ecc). 
Foderate uno stampo da plum cake (fondo e lati) con della carta forno e 
poi ricopritelo con i savoiardi inzuppati. Versate all’interno prima la 
crema più scura quindi uno strato di savoiardi inzuppati
e poi la crema più chiara . 
Ricoprite il tutto con gli altri savoiardi inzuppati . 
Mettete lo stracchino della duchessa in freezer per almeno 2-3 ore: 
il dolce dovrà risultare ben freddo, tanto da essere tagliato a fette per il servizio.
e volendo,spolverizzato con altro cacao in polvere


22 commenti:

  1. Ciao Aria.. quanto sanno essere dolci i bambini e carichi di una forza e di una capacità di autonomia che a volte ci lascia senza parole..
    ... come questa tua ricetta, l'avevo vista anche da Imma, ed è da tanto tempo che voglio farla, ti farò sapere quando verrà il mio momento!
    Ti abbraccio, buona domenica,
    Annalisa

    RispondiElimina
  2. buono,buono,grazie cara,felice domenica

    RispondiElimina
  3. ANCHE LA MIA ELE HA IMPARATO A LEGGERE IN FRETTA ED E' AUTONOMA!!!!NON LO AVREI MAI IMMAGINATO!!!!BELLE LE FESTE DI NATALE E EPIFANIA, BELLO POTER TORNARE DI NUOVO BAMBINI E CREDERE ALLA LORO ATMOSFERA MAGICA!!!!!ORA MI GUSTO UN PO' DEL TUO DELIZIOSO DOLCETTO!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  4. Tesoro mio ma tu ci credi che il mio Alfredo che ha 9 anni fino a quest` anno credeva nella befana ed a babbo Natale??? Gli amici a scuola l`hanno deriso quando ha detto che lui ci credeva e quando é tornato a casa e mi ha chiesto se era vero che babbo Natale e la befana non esistessero mi sono trovata costretta a dirgli la verità visto che ha 9 anni era arrivato il momento soprattutto per non farlo prendere in giro...ci é rimasto malissimo però gli detto: se tu vuoi nel tuo cuore puoi continuare a credere nella magia del Natale,nessuno può portarti via i sogni e le tue convinzioni...spero che la tua Anais viva per sempre in un mondo costellato di magia e cara eccolo il tuo stracchino,decisamente perfetto e non avevo dubbi in merito!! Ti abbraccio forte forte,Imma

    RispondiElimina
  5. Anch'io vorrei far durare a lungo l'illusione di babbo Natale e della befana....sono così magici!! Però i bimbi sono sempre attenti e qui babbo Natale aveva la barba con l'elastico (insomma mamma era solo un aiutante) e le befane erano 4....mmm poco convincente ;)
    PS lo stracchino della duchessa sarà più di un anno che voglio farlo...dev'essere buonissimo!
    Un saluto e biona serata
    raffaella

    RispondiElimina
  6. Non conoscevo questa ricetta ma ho giusto del mascarpone che sta scadendo e dei savoiardi da finire perchè non provare.

    Baci
    Taty

    RispondiElimina
  7. Che delizia questo dolce, pensa che non lo avevo mai sentito!
    Anche la nostra signorina ha paura della Befana da quando l'anno scorso l'abbiamo incontrata nella piazza del nostro paese! Buona settimana!

    RispondiElimina
  8. Gli occhi dei bimbi così brillanti e pieni dello stupore di chi attende, è il senso più assoluto del Natale...La tua meravigliosa Anais forte, dolce, autonoma sarà una bellissima donna , grazie anche a te...l'immagine di lei che si avvicina alla befana con timore è dolcissima, grazie per questi racconti, fanno bene al cuore!
    Ho ancora tanti pandori da smaltire...inizio con questo dolcino, è perfetto
    Un bacione cara a te e ai tuoi bimbi!

    RispondiElimina
  9. Buongiorno! che meraviglia questo dolce, golosissimo!!!!
    Anche mia figlia è in prima elementare e anche lei ha cominciato a leggere, anzi con il metodo della sua insegnante ha cominciato da subito, non ha imparato le lettere, ma i suoni, ma naturalmente solo ora comincia ad essere fluente ^_^ Un bacione !!!!!

    RispondiElimina
  10. E' una grande fortuna la tua che la tua bimba sia così autonoma, ne sento tante che sono costrette a lottare per far fare i compiti ai figli fin dal primo giorno!!!!
    Mi prendo una fetta di dolce

    RispondiElimina
  11. Simone crede ancora a Babbo Natale e alla Befana e non hai idea di quante storie mi sono inventata e ogni volta che va ' da mia nonna gli dice " non esiste la befana e neanche babbo natale " e lui arriva tutto triste....Mi prendo una fetta del tuo dolce...mmm buono lo faceva sempre un'amica di mia nonna

    RispondiElimina
  12. un dolce che adoro. buon lunedi'

    RispondiElimina
  13. Dolcissima Anais♡ comunque concordo in pieno con te aiutala finché puoi a credere nelle favole e nella magia avrà così tanti anni di vita in cui conoscere le bruttezze di questo mondo!
    Fantastico questo dolce, ci credi che per me è una novità assoluta?
    Baci
    Alice

    RispondiElimina
  14. Tesoro ricordo il modo brutale in cui io venni a conoscenza che Babbo Natale non esisteva... frequentavo la seconda elementare e fu proprio la maestra (personaggio freddo e insensibile) che durante la correzione di un compito mi stroncò questo sogno... ricordo ancora mia madre quanto se la prese e litigò anche con la tipa.. ma ormai i giochi erano fatti...Ressi il gioco per i successivi natali, per mia sorella che invece ebbe la fortuna di credere alla magia fino a 9 anni... tutto questo per dire che fai bene a tenere vivo nei tuoi bambini questa magia il più possibile... quest'anno anche per noi è stato molto difficile... Gin è sveglissima proprio come Anais.. abbiamo nascosto i pacchi e nel trasportarli da mamma abbiamo dovuto preparare una valigia in più che lei subito ha notato nel bagagliaio e chiesto... insomma.. spero proprio che questo sogno duri per tanto tempo... :) sono felice poi che a scuola stia andando così bene... noi siamo alle prese con le prime scritture.. e giovedì ho l'incontro per l'iscrizione... :)
    il dolce è una delizia ... è segnato da tanto tempo nella lista... spero di riuscire a farlo presto... pandoro e panettoni sono finiti... quindi andrò con i classici savoiradi:) un abbraccio tesoro :**

    RispondiElimina
  15. che meraviglia l'innocenza dei bimbi...peccato che poi crescendo tutto cambia!
    E che meraviglia questo dolce, deve essere di un buono, ma di un buono............

    RispondiElimina
  16. Ti dirò ..... il mio primogenito, 10 anni, ancora crede a Babbo Natale......ed io che lo vedo già "fighetto" in tante situazioni lo lascio ancora sognare un po'.... perchè tutto sommato un po' ci voglio ancora credere anche io :-)
    Dolce strepitoso!

    RispondiElimina
  17. Un dolce che vorrei tanto fare! Bellissimo e goloso! Complimenti alla tua piccolina per i successi a scuola. A me la befana ancora affascina! Beata Anais che l'ha incontrata!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. Quindi 'stracchino' è il nome del dolce non del formaggio in esso usato...ma se uno volesse usarlo nel dolce?Ah ah ah inizio l'anno nuovo con tre domande......una diretta due sotto intese....forse devo rifarmi due paginette di A,E,I,O,U anche io....giusto per non perdere il ritmo....la tua dolcissima Anais sarà un turbine nell'apprendmento e di certo la Befana non la mollerà per adesso, perciò sii orgogliosa di lei e stai tranquilla, per il momento il segreto è salvo!

    RispondiElimina
  19. Ciao cara conosco molto bene questo dolce, anche se quello "originale" si diversifica un po'...appena riesco ad ottenere la ricetta da una cara signora, spero di riuscire a realizzarlo...comunque anche questa versione deve essere una vera bontà!!! Anch'io con il mio grandone quest'anno ho avuto qualche problemino legato agli amici che dicevano che non esistevano i vari personaggi da Babbo Natale alla Befana, ma avendo ancora il piccolino credulone, ho cercato di portare avanti queste fantasie...
    Lo scorso anno, come te, ero titubante sul nuovo metodo di insegnamento adottato a scuola e quest'anno vedere il mio bimbo che si prende il libro da leggere senza che sia io ad incitarlo è davvero di grande soddisfazione. Buona domenica, ciao ciao Luisa

    RispondiElimina
  20. eccolo...! il tuo molto più elegante...io sono una pasticciona!
    presto i tuoi bon bon al tiramisù...tanto per rimanere sul mascarpone!
    aahahhaha

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani