Home

domenica 7 giugno 2015

Tartufo nero al cioccolato fondente, latte condensato e ciliegie


Da tanto tempo volevo fare i tartufi gelati...perchè io sono così, vedo ricette nella rete, me  ne innamoro, me le appunto, e poi mi dimentico....A volte la memoria è strana, basta una piccola scintilla inaspettata che si accendono collegamenti remoti, e tornano a galla pensieri, sensazioni, percezioni...che magari nel momento presente non abbiamo inteso e non abbiamo ascoltato, forse anche volontariamente...perchè volevamo autoconvincerci che la verità fosse un'altra...e sì, per un pò funziona, ma poi arriva il momento in cui ci sbattiamo la faccia...e tutto si somma, tutto riaffiora, tutto si incastra come pezzetti di un puzzle che non può non completarsi...è la vita: tutto ha un perchè, forse...


Il fare dolci, e gustarli, spesso attutisce il colpo, addolcisce la pillola, e nel caso di questo tartufino l'amaro della verità è simile a quello del cioccolato: forte ma altrettanto benefico, perchè la verità anche se è dura poi fa bene...ci aiuta a scavare dentro, e cucchiaiata dopo cucchiaiata, riscopriamo il nucleo delle cose vere e profonde, e poi troviamo chi siamo veramente, anche se qualcuno cerca di cambiarci, di metterci a dura prova, di farci scendere a compromessi...


Ma siamo ciliegie succose. Con un nocciolo ben saldo dentro. E' li dove siamo noi, quelli veri. Quelli che nessuno può scalfire! E da qui si riparte, in una nudità che è purezza.
Tutto il resto è noia, o poesia, a seconda degli occhiali che usiamo per leggere la realtà.

La ricetta è tratta da qui, modificata a mio piacimento.

Per 9 tartufini stampo Pavonidea semisfera in silicone:

150 g di latte condensato
100 g di cioccolato fondente
250 g di panna fresca
semi di vaniglia
ciliegie
cacao amaro e zucchero semolato per tartufare

Procedimento

Innanzitutto preparare il latte condensato: io ho messo 125 g di zucchero a velo e 1 cucchiaio di farina in un pentolino. Ho aggiunto 250 g di latte e ho sciolto lo zucchero sul fuoco, ho fatto bollire per venti minuti e mi sono ritrovata una deliziosa cremina di latte.
Non l'ho usata tutta, ma quella che resta può essere messa in frigo, dove addenserà, e potrà essere spalmata su fette biscottate o mangiata a cucchiaiate...basta lavarsi i denti alla fine ;)


Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente e farlo raffreddare o almeno intiepidire.
Montare la panna con i semi di vaniglia e dividerla in due parti: una un pò più abbondante dell'altra.
Unire al cioccolato tiepido 100 gd i latte condensato, o anche meno, se volete un tartufo bello amaro.
Unire alla massa scura la panna montata, la quantità minore.

Unire all'altra panna il restante latte condensato.

Ora procedere alla formazione dei tartufi: nello stampo in silicone versare il coposto scuro, senza raggiungere il colmo.
Sarà più liquido, quindi, quando andrete a versare la panna bianca al latte condensato, rimarra più in superficie, andando a costutuire il cuore del tartufo.
Procedete così per tutti i tartufi, poi metter al centro del composto bianco una ciliegia ben lavata,

Porre in freezer tutta la notte.
Al momento di servire, sformare i tartufi e rotolarli in una ciotolina dove avrete distribuito qualche cucchiaio di cacao amaro e un cucchiaio di zucchero semolato.
fate riposare 5-10 minuti e gustate....

 il buono della vita! 


16 commenti:

  1. MA è perfetto! Una visione...dovrò procurarmi lo stampo :)

    RispondiElimina
  2. Che delizia,complimenti,buon lunedì

    RispondiElimina
  3. Francesca sono perfetti!! Già ieri avevo ammirato le foto su FB, non vedevo l'ora che pubblicassi la ricetta... me la segno e, se riesco, la provo subito nelle prossime settimane!

    RispondiElimina
  4. Bellissimi ...immagino la bontà .
    Capita anche a me di segnare ricette da prova...ho una lista lunga e continua a crescere ! Riuscirò a provare tutto? Ci provo...

    RispondiElimina
  5. sono senza parole uno spettacolo buonissimi

    RispondiElimina
  6. Paragonarmi ad una ciliegia,lo faccio e mi compiaccio,mentre mi chiedo se il mio nocciolo è davvero così saldo...Rifletto e ammiro questa delizia,uno scrigno dal cuore sorprendente e generoso!Grazie cara!

    RispondiElimina
  7. Woooow....., che delizia !!! Bellissimo questo tartufo, fresco e tanto goloso per un fine pasto o per la merenda !

    RispondiElimina
  8. davvero meravigliosi, quelle ciliegine all'interno ci stanno a pennello!!!Perche' non mi mandi la ricetta al contest "Di cucina in cucina di giugno luglio 2015 : le ciliegie" di Barbara ospitato dal mio blog, ti aspetto, ci conto!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  9. Mamma mia tesoro ma che golosità!!! Sai anch'io prendo le fisse per certe cose che vedo in rete e questa meravigliadevo assolutamente provarla!!! Bacioniiiii grandi cara

    RispondiElimina
  10. Bella la metafora delle ciliegie, col nocciolo interno :D E che dire di questi tartufini? Meravigliosi, complimenti

    RispondiElimina
  11. Ma che mini delizie, croccanti fuori e tenere dentro, un po come me!!

    RispondiElimina
  12. oddio, ma è facile da fare!! posso presentare un fine pasto che non sia gelato confezionato!

    RispondiElimina
  13. Wow..sono golosissimi!! e come fai a non finirli tutti???!!!

    RispondiElimina
  14. ma ti sono riusciti alla perfezione, sei stata bravissima!
    Complimenti, davvero....cosa non ti riesce bene?!
    Un bacione

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani