Home

giovedì 25 febbraio 2016

Ciambelle fritte con le patate





Sempre meno tempo....sempre di corsa...lunedi mattina, quando è iniziata la settimana...io speravo iniziasse il week end, quello vero, quello senza corse, senza panni da stirare, lavatrici da fare, frigorifero da pulire, tanti giri da fare....e invece no, si ricomincia con il solito ritmo frenetico di sempre...in un vortice violento che da Natale ci ha condotti al Carnevale in un soffio, passando per San Valentino...e se è vero che nei supermercati già si trovano le Uova di Pasqua, è anche vero che io sento in me di dover allentare la presa...e scacciare qualche momento di ansia con un dolcetto infallibile quando si tratta di tirare su il morale...


Non potevo lasciar passare un Febbraio senza ciambelline fritte, anche se il Carnevale è ormai liquidato.
Avendo già fatto e rifatto mille volte la mia ricetta collaudatissima senza patate, ho voluto provare una ricetta che invece le prevedesse.
Buone entrambe, quali scegliere? Queste assorbono, forse, leggermente più olio, ma non troppo...e anzi, per averle così ben zuccherate, dobbiamo passarle subito, man mano che le scoliamo, nello zucchero semolato...altrimenti poi non si attaccherà più uniformemente.
Sicuramente queste restano pù morbide nei gionri successivi, se vi durano ;)

E allora via, ciambelline per tutti, per fermerci un attimo e godere dei piaceri della vita!

Ingredienti

280 g di farina 00
250 g di patate crude da lessare
un uovo medio
50 g di zucchero
50 g di burro
latte se serve
3 g di lievito di birra secco
semi di vaniglia 
olio per friggere Dante
zucchero semolato per ricoprire le ciambelle

Procedimento

Lessare le patate, passarle allo schiacciapatate, raccogliere la purea nella planetaria e attendere che intiepidisca.
Unire la farina, il lievito secco, lo zucchero, la vaniglia, lavorare brevemente, poi unire l'uovo, e il burro morbido.
Se l'impasto fosse troppo denso aggiungere pochissimo latte, in modo da ottenere un composto omogeneo da porre a lievitare in una ciotola coperta per circa due ore, fino al raddoppio.
A questo punto io ho staccato delle palline di impasto, e ho creato un buco al centro con il dito indice, ho posizionato le mie ciambelle su un foglio di carta da forno, ho coperto con uno strofinaccio pulito e ho atteso che diventassero belle gonfie. 
A questo punto, in una casseruola profonda e non troppo larga, ho fatto scaldare l'olio e ho fritto le mie cimabelline a due-tre alla volta (se istaccano delicatamente dalla carta da forno senza poroblemi), scolandole quando erano pronte, dopo averle cotte su entrambi i lati e passandole nello zucchero semolato ad una ad una.


Servire le ciambelle ancora calde, per me
in un'alzatina elegantissima

19 commenti:

  1. wow, l'impasto dentro è perfetto!!

    RispondiElimina
  2. ti capisco anche per me è così le settimane volano, passano i mesi e quando c'è bisogno di fermarsi bisogna farlo certo con una delizia così è obbligatorio,bravissima, grazie anche se le ho già preparate ne prendo volentieri una, non penso che si possa rinunciare ad una coccola così,un abbraccio

    RispondiElimina
  3. Hanno un aspetto meraviglioso e una consistenza interna perfetta,mi hanno fatto venire un'acquolina incredibile e troppa voglia di assaggiarle,sono senza ombra di dubbio di una bontà unica,bravissima,ti faccio i miei migliori complimenti:)).
    Un bacione:))
    Rosy

    RispondiElimina
  4. A CHI LO DICI, HO ORMAI LA STANCHEZZA CRONICA, IL TEMPO NNO MI BASTA PIU' CORRO SOLTANTO E RISOLVO POCO!!!!TI PRENDO UNA CIAMBELLINA PER METTERMI UN PO' IN FORMA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  5. Io invece quest'anno non ci sono riuscita :-( ho fatto qualche frappa ma nient'altro....troppo a ridosso delle feste. Ma si possono fare adesso no?

    RispondiElimina
  6. Ma si, coccolarsi un po' in questi frangenti è importante ....anche qua da me è un correre continuo, avrei proprio voglia di tirare un po il fiato...credimi...
    Un abbraccio e tieni duro

    RispondiElimina
  7. Ciao cara. Anche per me giornate frenetiche, corse dietro ai piccoli, compiti, palestra e così via. Poco tempo per il blog a dire il vero. Cucino tantissimo ma sono talmente stanca che solo l'idea di fare una foto mi demoralizza. Sapessi quante cose nuove sto facendo.
    CHe belle le tue ciambelle.

    RispondiElimina
  8. Come ti capisco, io mi rendo conto che è ora di tirare il freno quando per strada in macchina comincio a sbagliare strada o in casa i sposto mi andare a prendere una cosa ma dimentico cosa...mi chiedo: ma sarà sempre così??? Meglio fermarsi un attimo prendere un paio di queste speciali ciambelle, farsi una buona tazza di caffè e respirare lentamente... buona giornata..scappooooo

    RispondiElimina
  9. Deliziose queste ciambelline, soffici e golose!!!
    Bravissima Aria

    RispondiElimina
  10. anche tu sempre di corsa.... poi mi chiedo come fai perchè sei davvero piena piena di impegni e di bei progetti, di bimbi piccoli ne hai due... insomma.... wonder woman!! un bacio grande!

    RispondiElimina
  11. Quante ne vengono con queste dosi?

    RispondiElimina
  12. Ciao Rosanna, scusa, ma quando lavoro non posso rispondere. Direi tra le 15 e le 20 a seconda di come le fai grandi.

    RispondiElimina


Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani