Home

lunedì 19 novembre 2018

Tarte con farina di castagne alle pere e cioccolato


In questo week end di autunno abbiamo festeggiato il compleanno di mia suocera e i suoi 40 anni di matrimonio. Questo dolce mi sembra perfetto per l'occasione, e a voi?
Buona settimana, sembra che il freddo sia arrivato!


Ingredienti


50 g di farina di castagne
280 di farina 00
1 uovo e due tuorli piccoli
130 di zucchero semolato
1/2 cucchiaino di lievito
160 g di burro bavarese


crema

250 g di latte
80 g di zucchero
100 g di cioccolato fondente
40 g di farina


Procedimento

Per questa ricetta mi sono ispirata qui, aggiugendo però il tocco di farina di castagne per la frolla.
Sono partita dalla frolla, montando il burro con lo zucchero e la vaniglia. Poi ho aggiunto, sempre montando, le uova una alla volta, ed infine le farine miscelate con il lievito in un solo colpo, amalgamando con la spatola.
Ho fatto riposare un'oretta in frigorifero.


Per la crema ho ridotto il cioccolato in scaglie e l'ho inserito in un pentolino con zucchero e farina.
Ho versato poco latte per stemperare, poi tutto e infine l'ho messa sul fuoco pochi minuti finchè non si è addensata.
Ho coperto con pellicola e lasciato raffreddare.

Nel frattempo ho lavato e tagliato le pere, a fette sottili senza buccia, ammorbidendole per qualche secondo in padella con poca acqua e zucchero.

Ho quindi steso la frolla su uno stampo rettangolare dal fondo amovibile, ho bucherellato con la forchetta, ho aggiunto le fette di pere pià brutte sul fondo, ho ricoperto con la crema al cioccolato extradark, ho posizionato le pere più belle in superficie e ho fatto cuocere per 10 minuti a 190° e poi altri 30 a 165°

Lasciare raffreddare per bene prima di servire.




domenica 11 novembre 2018

Torta di San Martino


Oggi è San Martino, tempo di castagne. Io le sto mettendo ovunque e i miei bambini gradiscono molto. Questa torta è delicata e saporita al contempo, dalla consistenza perfetta non troppo secca e non troppo umido-pastosa. Potete servirla così, con una delicata spolverata di zucchero a velo, o farcirla con un goloso strato di Nocciolata. Si taglia perfettamente e piace proprio a tutti.
Buon week end e Buon San Martino, amici lettori!


Ingredienti
60 g di farina di castagne
150 g di farina 00 bio 
50 g di cacao amaro
180 g di zucchero semolato
3 uova bio
100 ml di latte
80 ml di olio d'oliva leggero
2 cucchiai di miele millefiori Mielbio Rigoni d'asiago
1 bustina di lievito

(ricetta liberamente modificata da qui)

Procedimento

Montare le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
Unire, sempre montando, il miele e l'olio, pii, delicatamente, incorporare le farine setacciate con il lievito alternando con il latte. Amalgamate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo che andrete a versare in uno stampo imburrato ed infarinato di diametro 26 cm.
Infornate in forno già caldo a 180° per circa mezz'ora.


Sfornare, lasciar  raffreddare, sformate e farcite a piacere con Nocciolata senza Latte Rigoni d'Asiago.
piatti e tessuti di servizio #greengate #adv

martedì 6 novembre 2018

Biscotti di castagne con crema di nocciole


Sono stati giorni all'insegna della famiglia, delle coperte e del tè con i biscotti, anche se ieri ci siamo concessi una gita fuori porta sugli Appennini a fare scorpacciata di tartufo!
Oggi si rientra al lavoro e a scuola, e tra poco è San Martino.
Mi piace che i miei figli ricordino nel tempo che ogni festività e ogni mese hanno un colore e un profumo! Novembre sicuramente è il beige di questa farina di castagne, del tartufo appunto, e della nuova e meravigliosa crema di nocciole che rende unici questi biscotti! 



Ingredienti
120 g di farina 00
130 g di farina di castagne
100 g di burro tedesco
1 uovo e un tuorlo
80 g di zucchero a velo
1 cucchiaio di miele di castagno MielBio Rigoni d'Asiago
1/2 bustina di lievito

Procedimento
Lavorare il burro con lo zucchero, unire le uova, il miele e le farine miscelta con il lievito.
Stendere la vostra frolla, ricavarne i biscottini, fate cuocere in forno già caldo a 180 e, una volta raffreddati, accoppiarli farcendoli con la crema di nocciole.
Una vera delizia!


piatti dis ervizio e tessuti Green Gate #advertising

martedì 30 ottobre 2018

Lasagne di carasau e broccoli




Ora che l'autunno è arrivato con tutta la sua prepotenza non bisogna farsi trovare in preparati, per molti mesi bisogna portare il caldo dentro.
Via libera ai plaid sul divano, alle boules di acqua calda, al piumoncino sul letto, a fumanti tè e tisane e a piatti corroboranti e fumanti...via libera al forno perennemente acceso!!!!!

Tuttavia, non mi discosto dalle mie buone abitudini: piatti buoni ma semplici e veloci, questo è il motto di Aria in Cucina, ve ne siete già accorti, vero?
E allora ecco qua la ricetta per portare a tavola oggi o nel week end un piatto di lasagne sprint, che nulla hanno da invidiare alle tradizionali! Sono certamente più veloci e leggere!


Ingredienti

Fogli di pane carasau
400 g di broccoli cotti al vapore
500 g di besciamella
parmigiano grattugiato, olio evo, sale e pepe-

Procedimento

Preparare la besciamella e farla raffreddare.
Cuocere i broccoli a vapore e, se non siete strettamente a dieta, ripassarli in padella con poco olio exravergine, sale, pepe e un pizzico di peperoncino se lo gradite.
Prendere una pirofila e versarvi qualche cucchiaio di besciamella.
Coprire con il pane carasau tutto il fondo, una manciata di broccoli, besciamella e parmigiano grattugiato.
Procedere così fino ad esaurimento degli ingredienti e terminare con il pane, la besciamella e il formaggio.

 
Infornare in forno caldo a 180° per circa 10.15 minuti, il tempo che si formi una deliziosa crosticina.

 

Servire calde!

martedì 23 ottobre 2018

Pan brioche salato al pesto





E così, l'autunno è arrivato. Ieri, mentre ci godevamo una splendida domenica di sole all'aria aperta, improvvisamente si è alzato un fastidiosissimo vento, che ululava forte e ci ha obbligati a rinchiuderci in casa. Questa mattina l'aria era veramente diversa e mi sa che stanotte aggiungerò una coperta sul letto.

Avrei dovuto postarvela prima, questa meraviglia che profuma prepotentemente di estate, ma ho sbirciato fuori e qualche fogliolina delle mie piante di basilico resiste ancora. Le vostre? Se ce la fate provatelo, questo pane speciale che si abbina con tutto ma che, soprattutto, mi farà sentire in riva al mare mentre fuori si avvicina a passo lento lento il signor Inverno.

Vorrei dirvi molte cose dei tanti cambiamenti che succedono veloci e mi assorbono come un vortice....Vorrei raccontarvi di Gioele, che a soli 8 anni si è preso l'impegno di suonare la chitarra in un coro, o di Anais, che sta crescendo davvero tando e cambiando, anche fisicamente...
ma il tempo per stare qui in rete è sempre meno, e fatico a seguire anche i miei blog preferiti. Spero di avere presto più tempo per stare anche con voi, miei cari lettori. Grazie di passare da qui.


Ingredienti 
(ricetta leggermente modificata da qui)

250 g di farina 00 bio
mezza busta di lievito secco
60 g di latticello (ottenuto mescolando 3'0 g di yogurt bianco con 30 g di latte)
50 g di acqua tiepida
1 cucchiaino di miele
2 cucchiai rasi di olio di oliva
1 uovo
30 g di pesto fatta in casa con solo basilico, olio e  parmigiano
1 cucchiaino raso di sale fino 

Procedimento

Preparate il latticello un quarto d'ora prima.
Nella ciotola della planetaria unite farina, lievito, miele e aggiungete dopo una breve mescolata il latticello, l'uovo, e dopo poco l'acqua, l'olio e il sale.
Impastate per almeno dieci minuti, poi ponete la palla elastica in una ciotola coperta da pellicola che farete riposare fino al suo raddoppio nel forno spento con lucetta accesa.

Nel frattempo preparate il pesto con basilico e parmigiano.

Riprendete l'impasto, tirarwlo su un piano infarinato dandogli forma rettangolare, spalmate sopra il rettangolo il pesto e richiudete nella parte del lato corto arrotolando l'impasto e formando, appunto un rotolo.

 
Incidete il rotolo con un coltello affilato per il lungo, e otterrete due strisce che andrete ad intrecciare rendendo quindi visibile il pesto all'interno.
Ponete la treccia in uno stampo da plumcake rivestito da carta forno e fate lievitare ancora un'oretta.
Accendete il forno, pennellate con latte o uovo sbattuto, fate cuocere per circa mezz'ora a 180°

 



lunedì 15 ottobre 2018

Ciambellone con la panna fresca e gocce di cioccolato


Pochi giorni fa sono tornata dal lavoro giusto 50 minuti prima di andare a prendere i miei figli da scuola. 
Avevo voglia di un dolcino e ho aperto il frigorifero osservando un cartoncino di panna fresca che era scaduto il giorno prima. L'ho aperto, annusato, assaporata la panna e, sentito che era ancora in perfette condizioni, ho pensato velocemente a cosa farci. Ho aperto il computer e ho cercato qualche ricetta, ho modificato leggermente questa sia nelle dosi che nel procedimento e devo dire che in 5 minuti ho preparato una torta deliziosa, dalla consistenza morbidissima e dal sapore buonissimo.

Una torta che non necessita né di burro né di olio, perchè la presenza della panna la rende umida e perfetta anche per più giorni....ve l'ho posso assicurare perchè l'ho rifatta, la prima torta, sfornata 5 minuti prima di andare a prendere i bimbi e servita ancora tiepida al loro ritono, è stata divorata per metà solo da loro....il resto è finito la mattina dopo per colazione. 
Promossa a pieni voti per riapparire subito qui!

Mi piace preparare la torta della merenda ai miei figli quando rientrano da scuola, nelle giornate autunnali. Il profumo che ritrovano al rientro, aprendo la porta di casa, rimarrà nei loro cuori per sempre.


Ingredienti

220 g farina 00
250 g di panna fresca
150 g di zucchero
2 uova
1 bustina di lievito
gocce di cioccolato


Procedimento

Montare 5 minuti le uova con lo zucchero, unirela panna fresca a filo, e in ultimo la farina setacciata con il lievito.
Smettere di montare e unire le gocce di cioccolato, mescolando con un cucchiaio.
Infornare in uno stampo da 22-24 cm imburrato ed infarinato e cuocere per 40 minuti circa, facendo la prova stecchino.
Sfornare e lasciare raffreddare.

Piatti e tessuti GreenGate


venerdì 12 ottobre 2018

Cestini di sfoglia con pomodori, zucchine e scamorza



Volete un'idea per una cena veloce in una giornata di quasi metà Ottobre che sembra ancora di essere in estate?
Ieri sono stata a are la spesa e, al banco del biologico, ho acquistato delle zucchine e dei pomodorini datterini che mi hanno fatto risentire in bocca il gusto della stagione ormai conclusa...è stato un ottimo aperitivo in famiglia, veloce e gustoso...ogni tanto ci sta!
E' facile da realizzare!!!

Basta stender eun foglio rettangolare di pasta sfoglia, ricavarne 12 quadrati, stendere nel mezzo di ogni quadrato una fetta di scamorza, qualche fettina sottile di zucchine e qualche fetta di pomodoro. Spolverare con sale aromatico, oriogano e un filo d'olio.

Inserire i quadratini con il loro quadrato di carta da forno sotto in uno stampo per muffin antiaderente e infornare a 180° fino a doratura.


Serviteli caldi con delle fresche bollicine!!!


Buon week end e a lunedi con una dolce colazione!

mercoledì 10 ottobre 2018

Torta di susine e ricotta




Mi stavo dimenticando di questa torta, e forse arrivo un pò lunga...ma ho visto ancora delle susine al supermercato, e se non volete rinunciare a questa bontà acquistatene delle mature e provate a farla!
E' un periodo davvero movimentato, non ho molto tempo per il blog perchè cerco di dividermi tra tutti gli impegni miei e dei miei figli, e non è impresa da poco...Anche la palestra, che a Settembre avevo incominciato con tanta costanza, sta subendo seri rallentamenti!

D'altra parte, con la ripresa della scuola, dello studio e delle attività extrascolastiche c'è davvero da correre, ma so che questi momenti non torneranno più, quindi cerco di restare accanto ai miei bimbi e di seguirli il più che posso. Sarò una mamma chioccia? Forse, cerco di dosare il mio star loro vicino, di far sì che sia sempre un supporto, uno sguardo più da lontano che troppo insistente, ma hanno ancora molto bisogno di me, e di sicuro non glielo negherò, anche a costo di sacrificare molto del tempo che resta per me sola.

Tra le tante cose che faccio per loro non manca mai qualche dolce fatto in casa, magari sfornato alla mattina presto per farlo trovare pronto sulla tavola da colazione.
Una delle mie gioie più grandi è vedere quanto adorano le mie creazioni, tanto da non fare mai la voglia di nulla di confezionato.
Anche questo è un traguardo che ho raggiunto!

Ingredienti (ricetta modificata liberamente da qui)

200 g di farina 00 bio
150 g di ricotta
7 susine
2 uova
130 g di zucchero semolato più 1 cucchiaio di zucchero di canna
50 g di olio di oliva leggero
1 bustina di zucchero

Procedimento

Montare nella planetaria le uova con lo zucchero, aggiungere sempre montando l'olio a filo e la ricotta.
Aggiungete la farina a pochi cucchiai miscelata con il lievito.
Imburrate ed infarinate una tortiera a cerchio apribile di diametro 22 e versarvi l'impasto, livellatelo un poco e disponetevi sopra a raggera le fettine di susine lavate e tagliate, senza affondarle troppo.
Spolverate di zucchero di canna ed infornate la torta in forno ben caldo per almeno 45 minuti a 180° facendo sempre la prova stecchino.
Servitela una volta raffreddata completamente.


martedì 2 ottobre 2018

Biscotti occhio di bue




Per la festa dei nonni vi propongo dei buonissimi biscottoni occhio di bue che...fidatevi, piacciono ai nonni ma anche ai bambini, soprattutto se farciti in vari gusti con le confetture biologiche Fioridifrutta Rigoni d'Asiago o l'intramontabile nocciolata!!!!

Qui piove ed è la giornata giusta per un tè con biscotti a qualsiasi ora...ho detto definitivamente addio ai sandali per le scarpe chiuse e il giubbino che mi accompagneranno lungo questa monotona stagione, che possiamo però colorare in cucina! Cominciamo subito!

Ingredienti

100 burro tedesco
100 g di zucchero a velo
1 uovo e tuorlo bio
230 g di farina
1 ciucchiaino di lievito per dolci
Fiordifrutta e nocciolata Rigoni d'Asiago

Procedimento

Nella planetaria amalgamare il burro con lo zucchero a velo. Unire l'uovo e il tuorlo, poi la farina gradualmente miscelata con il lievito per dolci. Eventualmente unite, se serve (dipende dalla grandezza delle uova) altra farina finchè il panetto non sarà più appiccicoso.
Fate riposare il panetto in frigo, poi stendentelo su un piano infarinato e ricavate i vostri biscotti, avendo cura di togliere, con un tappino di bottiglia di plastica, il buco a metà dei biscotti fatti.
Ora fateli cuocere in forno a 180° finchè non saranno leggermente dorati, fateli raffreddare e solo allora farciteli stendendo le confetture e la nocciolata nella parte senza buco.
Accoppiateli e spolevrateli di zucchero a velo.

Buona festa degli angeli custodi!
anche ai miei che sono lassù

piatti e tessuti
Green Gate

<3 br="">

martedì 25 settembre 2018

Pan draghetti agli spinaci


E così, già la prima settimana di scuola è volata, e un'altra sta presto per incominciare....E' stato più facile di come avevano immaginato...perchè quando si torna in un luogo in cui si è stati e si sta bene, la sola lontananza non può interrompere la magia.
E allora che la magia continui, con tante colazioni, merende e fantasie di questi anni bellissimi che sono quelli delle scuole "elementari", come ancora mi piace chiamarle...
Sono già tanto alti e grandi, i miei bimbi, che le magie sicuramente svaniranno velocemente, ma finchè c'è voglia di sognare e pensare già a cosa scrivere nella letterina per Babbo Natale allora c'è un pò di posto anche per dei pan-draghetti che dovevano essere ranocchi, ma grazie alla mia manualità hanno cambiato specie....
Ci mancheranno tanto questi giochi assieme. E allora giochiamo, perchè il tempo andato non torna più....


Ingredienti per 12-14 panini
(leggermente modificata da qui)

250 g di farina 0 bio
250 g di farina 00
mezza bustina di lievito di birra secco
100 ml di acqua non fredda
100 ml di latte tiepido
1 cucchiaino di miele di acacia
150 g di spinaci lessati e strizzati
2 cucchiai di olio evo
10 g di sale



Procedimento

Frullare gli spinaci lessati in acqua salata e poi ben strizzati con l'olio.
Nella planetaria mettere le due farine, il lievito disidratato, il miele, gli spinaci e azionare, unire a filo il latte e l'acqua e lavorate bene per una decina di minuti.
Se necessario unire altra farina, in caso contrario poca acqua, infine il sale, fino a formare un panetto elastico e non troppo appiccicoso.
Ponetelo in una ciotola coperta da pellicola e posizionate nel forno spento ma con lucetta accesa, fino al suo raddoppio.
Ora, staccate dei pezzetti di impasto più o meno uguali di peso e formate delle palline che andrete ad arrotolare sul palmo della mano e a posizionare ben distanziate sulla leccarda del forno coperta da carta forno.
Tenete però da parte un pò di impasto che vi servirà per fare delle piccolissime palline che andrete a posizonare sui panini a formare gli occhietti.
Fate lievitare ancora mezz'ora, poi fate cuocere in forno già caldo, a 180°, per circa venti minuti regolandovi con il vostro forno.
Quando saranno raffreddati, decorate gli occhietti con maionese e rotelle di olive e farcite i vostri panini tagliandoli a metà e facendo sporgere fette di prosciutto o salame come fossero linguacce.
Buoni e belli,  ve lo garantisco!

Io li ho congelati da cottie per poterli scongelare e scaldare al momento delle lerende, i miei figli li hanno asorati anche di sapore!

lunedì 17 settembre 2018

Brioches integrali allo yogurt


4 anni fa scrivevo in quest post una lettera a mia figlia che iniziava la prima elementare.
In un batter d'occhio sono volati i giorni, i lunghi inverni così come le frizzanti estati, e noostante ricordi quella lettera a memoria come l'avessi scritta ieri, davanti a me c'è un'alunna diligente altissima e bellissima che ha imparato a scirvere, a leggere, a contare, a disegnare, a studiare, a fare lo zaino e i compiti da sola e molto, molto altro che forse ora dò per scontato.
C'è una ragazzina, ormai, che ha lasciato il pattinaggio per la ginnastica ritrmica, che ha continuato lo studio del pianoforte, che continua a cantare e a ballare per casa, che tiene un diario e scrive bigliettini a fidanzato e amiche, che mi lascia post it sul comodino per darmi la buonanotte....c'è insomma una personcina che sta crescendo grazie al contributo fondamentale della scuola e delle sue brave maestre.
Dolce Anais, ti auguro un anno ricco di meraviglia e momenti spensierati....perchè sarà l'ultimo in cui sarai davvero ancora considerata "bambina", l'ultimo in quella fase della vita scolastica così chiamata "primaria", che lascia segni indelebili nel cuore.
Goditi ogni momento di questo splendido viaggio, io ti accompagnerò come sempre...con il mio sostegno, e con le mie colazioni e merende homemade, che tanto piacciono a te.

Questi cornetti integrali allo yogurt, senza uova e senza burro, sono stati una piacevole scoperta qui, che trovo perfetta per far ripartire un intenso, speciale anno scolastico!


Ingredienti

125 g di farina 0 bio
125 g di farina integrale bio
50 g di zucchero di canna
un cucchiaino di miele 
50 g di olio di oliva leggero (di semi se preferite)
50 g di latte
65 g di yogurt bianco
3 g di lievito di birra secco (se è Inverno aumentate a 5)
un pizzico di sale
 



Procedimento

Sciogliere il lievito nel latte tiepido
Nella planetaria unire le farine e lo zucchero, poi il latte, lo yogurt e l'olio.
Iniziare ad impastare, dopo un pò unire il pizzico di sale, e lavorare ancora per una decina di minuti. 
Solo se fosse necessario unire un altro goccio di latte.
Formare un palla con l'impasto liscio ed elastico e fatela riposare in una ciotola coperta di pellicola fino al raddoppio. (Potrebbero volerci anche 3-4 ore, se non avete tempo aumentate il lievito!)

Stendere l'impasto su un piano infarinato formando un rettangolo,  andate a ricavarne una decina di trinagoli dalla base corta ma lunghi di altezza.
Farciteli a piacere e arrotolateli bene partendo dalla base.
Posizionateli sulla leccarda del forno coperta da carta forno, mettete in forno spento con lucetta e attendente fino a che saranno belli gonfi.
Ora spennellateli con latte e decorateli con fiocchi d'avena.
Fate cuocere in forno preriscaldato una quindicina di minuti, fino a doratura.
Se li lasciate vuoti, potete farcirli anche una volta cotti.
Sono buonissimi appena sfornati, ma anche il giorno successivo.

venerdì 14 settembre 2018

Torta greca salata Spanakopita



Quest'estate ho assaggiato, ad una cena a tema, la torta greca Spanakopita.
Ci è piaciuta tantissimo ed ho voluto subito riprodurla in casa.
Tra l'altro era la prima volta in assoluto che provavo la pasta phillo, che ho trovato estremamente versatile per tantissime idee dolci e salate che ancora vi proporrò.
Ma per questo week end, se avete seguito le mie precedenti ricette con la feta, e ve ne è rimasta in frigo da smaltire, o se semplicemente volete riassaporare il gusto delle vacanze, dal momento che quest'estate sembra non voler assolutamente finire (per la mia felicità) vi conisglio di prepararla e di sognare di essere su una bellissima spiaggia greca.

Ingredienti

8 fogli di pasta phillo
200 g di spinaci
1 uovo
180 g di feta
sale pepe
scalogno o cipolla a piacere


Procedimento

Lessate gli spinaci o fateli cuocere al vapore e poi ripassateli, una volta strizzati, in padella dove avete fatto rosolare finemente cipolla o scalogno.
Non aggiungete troppo sale.
Lasciate raffreddare poi unite l'uovo e la feta sbriciolata.

Ora prendete una pirofila, spennellarla di olio, coprire con un foglio di pasta phillo, spennellare ancora leggermente di olio (fatelo sempre tra un foglio e l'atro) e procedete così per 4 fogli. Inserire ora il ripieno amalgamato e coprite con un foglio di pasta che spennellerete ancora sopra, e così via per altri 3 fogli, che andranno a creare la vostra sfoglia.
Spennellate bene anche l'ultimo foglio e con il coltello praticate dei tagli orizzontali e verticali che vi faciliteranno dopo la cottura, per servire la vostra Spanakopita a quadrotti.
Fate cuocere mezz'ora a forno ben caldo.

Sfornate, lasciate intiepidire e servite la Grecia in Tavola! 

martedì 11 settembre 2018

Tartellette con crema pasticcera e frutti di bosco



Buongiorno!!!! 
Questa lunga coda di fine estate, con temperature sui 30 gradi di giorno, il cielo terso e sereno e la piacevole escursione termica della sera, sono davvero un regalo prezioso che la natura mi fa, mi viene voglia di perseverare nella mia promessa di volermi bene dedicandomi più tempo, prendendo con costanza gli integratori che da anni dovrei assumere per le carenze dovute alla mia allergia, facendo movimento, cercando di riposare di più di quanto non abbia mai fatto in questi 10 anni di "madre".

E' stato ed è ancora un ruolo impegnativo e totalizzante, che ho scelto di abbracciare con pienezza dandomi al massimo ai miei figli per avere meno rimpianti possibili.
E infatti ieri mi è apparsa una foto del primo giorno dell'ultimo anno di asilo di Anais e mi sono chiesta come fosse mai possibile....che in un baleno ci trovassimo tra poco ad affrontare il primo giorno dell'ultimo anno di scuola primaria.

Il tempo scorre inesorabile: Anais ha compiuto da poco dieci anni, è alta poco meno di me, ha già superato il mio numero di scarpe, dorme tantissimo alla notte ed è una bambina meravigliosa e responsabile. Sono lontanissimi i giorni in cui si svegliava venti volte per notte ed io quasi vorrei rivivere un giorno di quelli per riaverla piccina, per non dimenticare com'era.

Ogni età è stupenda, ma quella magia della primissima infanzia mi manca terribilmente, forse perchè allora ero tutta presa dalle difficoltà e dalle ansie che avere due bambini piccoli contemporaneamente mi provocava, e a capire quali fossero le strategie da adottare per cercare di fare tutto al meglio...No mi sono goduta pienamente la bellezza della loro piccolezza....Molte cose le capisci con il senno di poi, o le impari proprio vivendole...Io non sono "nata mamma", ho dovuto affrontare con loro giorno dopo giorno i cambiamenti che questo immenso dono comporta, e ancora tanti ce ne saranno da affrontare.

Sono certamente più serena di 10 anni fa, e più pronta a ritagliare qualche ora libera per me....cercando tuttavia di continuare a coccolarli il più possibile e di condividere con loro ogni momento prezioso...Voglio ricordare sempre com'erano, cosa piaceva loro ad una determinata età e, perchè no, quali cibi mi chiedevano....

Anche se mangiano di tutto hanno le loro preferenze....e per il suo decimo compleanno Anais mi ha chiesto anche queste tartellette ai frutti di bosco, frutta che adora!

Ve li ho fatti vedere già in diversi modi, questi sono di tutta farina bianca con una crema leggera alla vaniglia. Che aspettate a provarli?
Sono più belli di quelli della pasticceria, così mi hanno detto!



Ingredienti
  
250g di farina di grano 00
1 uovo
80 g di burro
100 g di zucchero a velo
semi di vaniglia
1 cucchiaino di lievito per dolci

 Procedimento
Nella planetaria versare la farina, il lievito, l'uovo, lo zucchero, la vaniglia e il burro a pezzetti.
Lavorare rapidamente fino ad ottenere un impasto liscio e mettere in frigo fino al momento di utilizzarlo.
Trascrso il tempo, (almeno una mezz'ora), stendere l'impasto e con un tagliabiscotti a fiore ricavare tanti fiorellini che andrete a sistemare nei pirottini da cupcakes capovolti sulla leccarda del forno.
Fate aderire bene i petali,  e fate cuocere così i vostri fiorellini per circa 10 minuti in forno preriscaldato a 180.
Una volta raffreddati, capovolgeteli e farcitelicon la crema pasticcera (ottenuta mescolando 3 cucchiai rasi di zucchero semolato con 3 cucchiai di farina, 2 tuorli, semi di vaniglia e 300 g di latte a filo.
Mettete aul fuoco ad addnsare e fate raffreddare coperto di pellicola.)
Guarnite con frutti di bosco a piacere solo una volta che la crema sarà fredda



Il Blog di Aria: cucina e vita

In questo spazio raccolgo le mie ricette sparse, ma anche pezzi di vita che ad esse inevitabilmente si sovrappongono.
Qui trovate profumi e sapori che evocano ricordi e riflessioni: le mie ricette sono per lo più dolci e piatti vegetariani