17 Maggio 2010

Crumble di fragole

By Aria


Ancora fragole, lo so, non odiatemi! Qualche sera fa però, uscendo a cena in un ristorante dov’ero stata quando ancora avevo il pancione, ho avuto come un flash…
quella sera, qualche giorno prima del parto, nel banco dolci di quel ristorante (eravamo a febbraio, per la precisione) troneggiava un bellissimo dolce ricoperto di fragole rosse. Ho cenato aspettando con ansia il momento del dessert pregustandone l’assaggio di una fetta e tornando a casa delusissima dopo essermi sentita rispondere che il tal dolce era riservato alla tavolata in fronte a noi che festeggiava un compleanno.
Decisa a non rinunciare a quel dolce prenotai al famoso ristorante 2 settimane dopo proprio in occasione del mio compleanno e chiesi, ovviamente, la torta tanto desiderata.
Niente da fare! Il giorno del mio compleanno il mio bimbo ha deciso di farmi il regalo più bello del mondo e la sera l’ho passata con lui in Ospedale, altro che fragole!
Credo però che questa “Voglia di fragola” abbia lasciato un segno in me, e che ora che è stagione il mio inconscio stia cercando di recuperare!
…tornando a noi, io il crumble non l’avevo mai provato e un pò me ne vergognavo…ho preso la ricetta da questo bellissimo blog e il risultato è stato come promette l’autrice: quindi vi riporto la sua ricetta.
Ps. Ora che allatto e mangio tante fragole…credo che anche il mio piccolo Gioele sia soddisfatto!

INGREDIENTI (per 4 persone)

fragole :500 gr
farina 00: 100 gr
farina integrale: 50 gr
fiocchi d’avena: 100 gr
zucchero grezzo di canna: 100 gr
burro salato: 100 gr

Passate i fiocchi d’avena nel mixer alla massima velocità per 1-2 secondi (dovete soltanto ridurne la dimensione, non polverizzarli). Poi metteteli in una ciotola con le farine e lo zucchero e mescolate bene.

Aggiungete il burro (che dev’essere ben freddo) tagliato a cubetti, e lavorate con le mani facendovi passare il composto tra le dita come se doveste sbriciolare qualcosa. Siate rapidi e imprecisi: ciò che dovete evitare è di ritrovarvi con un impasto liscio e omogeneo. Perciò smettete non appena avete del briciolame irregolare e non vedete più farina a spasso da sola per la ciotola.

Sigillate con della pellicola trasparente, mettete in frigo, e tenetecelo per un’oretta. Potete anche dimenticarvelo per due-tre giorni: non succede un bel niente.

Quando deciderete di preparare il vostro crumble, accendete il forno a 200°, disponete negli stampini monoporzione (o in una piccola pirofila) le fragole pulite e tagliate a grossi pezzi, e ricopritele con il briciolame estratto dal frigo all’ultimo momento. Non pressatelo con le mani: deve ricoprire la frutta in maniera non uniforme e senza formare uno strato compatto.

Infornate per 10-15 di minuti, o finché non vedete che si è formata una crosta dorata e croccante.

L’ho provato il giorno dopo anche con le mele, forse ancora più buono!