28 Ottobre 2014

Fave dei morti

By Aria

Giusto un anno fa ho preparato questa ricetta che trovate anche su questo sito
 Non avevo mai fatto le fave dei morti, ma le ho mangiate spesso ai tempi del liceo, quando la mia amica Elisa le portava a scuola dopo averle acquistate dal suo fornaio di fiducia.
Devo ammettere che non ho mai nutrito troppa simpatia per le mandorle e la farina da esse ricavata, che invece a casa mia piace a tutto il resto della famiglia.

E’ interessante sapere che questi dolcetti venivano distribuiti già nell’antica Grecia in occasione dei funerali, mentre ai giorni nostri accompagnano la festa di Ognissanti.

Questo perchè la leggenda vuole che nella notte tra Ognissanti e la Festa dei Morti, i defunti vengano a
visitare i propri cari e così si preparano questi dolcetti deliziosi che sono appunto un dono per le persone mancate. E’ un modo delicato di ricordare chi ci manca e non c’è più.

In questi giorni, dove le foglie gialle e rinsecchite cadono dagli alberi per dare nutrimento alla vita che verrà, mi capita spesso di pensare alla morte, e di sentirmi spaventata come lo ero da bambina…quando per la prima volta ho affrontato la perdita di una bisnonna.
Quante domande….che mi sono ripetuta quando ho perso mio padre e poi ancora mia mamma…quante domande…alle quali non so dare risposta.


Penso spesso a quanti dolci le preparerei se lei fosse qui, accanto a me.

……………………………………

Come ho detto più volte io non amo festeggiare Halloween, anche se curiosando bel blog 
potrete trovare Gelatine horror, tortine a forma di zucca,
Cheesecake alla zucca e cioccolatini mostruosi.
Quest’anno però, visto l’avvicinarsi di queste ricorrenze,
 preferisco però proporvi questi colorati dolcetti non paurosi 🙂
A voi la scelta!

Ingredienti
200 g di farina di mandorle
150 g di zucchero semolato
150 g di farina 00
25 g di burro
1 uovo
1 albume
scorza di limone
1 cucchiaio di cacao amaro
1 cucchiaio di liquore alchermes
1 cucchiaio di liquore mandorla amara 

Procedimento



 In
una terrina unire le farine di grano e mandorle con lo zucchero. In una
ciotola sgusciare l’ uovo intero, l’albume e sbatterli insieme con una forchetta. Versare le uova sulle farine, con il burro morbido, ed  impastare bene ottenendo una palla di impasto che suddivideremo in
3 parti uguali
Ad ogni parte, in un diverso recipiente, uniamo in ordine: alla prima l’alchermes, alla seconda il cacao, alla terza la mandorla amara. Otterremo così tre palle di impasto dai colori differenti.
Con ogni pallina di impasto formare dei
salsicciotti lunghi e stretti e con l’aiuto di
un coltello, tagliare dei piccoli pezzetti e arrotolarli
con le mani a forma di favetta.
  Cuocere sulla
leccarda del forno ricoperta di carta forno per dieci minuti a 170°.